Stramaccioni: “Firenze sarà un campo difficile. Milito? Ci mancherà!”

Andrea Stramaccioni, intervenuto in conferenza stampa, ha parlato della sfida di domenica sera contro la Fiorentina: “Io credo che il Franchi in questa stagione rappresenti uno dei campi più difficili dove andare a giocare. Nessuna delle squadre nelle prime posizioni della classifica ha imposto il proprio gioco, hanno tutte sofferto moltissimo. Rappresenta una delle partite più difficili in qusto scampo di Serie A. E’ una partita dall’alto coefficiente di difficoltà”.

Sull’infortunio di Milito commenta: “L’ho sentito molto, l’ho chiamato e abbiamo parlato a lungo nella notte dopo la gara. Non solo siamo con lui ma lo aspettiamo tutti. Non riesco a vedere un’Inter senza di lui. So quanto gli vogliamo bene qui, so quanto sono brave le persone che si occuperanno di lui. E’ l’alba dell’inizio del suo recupero. Siamo tutti con lui. Le nostre ambizioni? Non cambia nulla. Tutte le parole di stima su Diego, ma noi siamo l’Inter. Dovremo tirare tutti qualcosa in più. Adesso più che mai, abbiamo avuto bisogno del contributo di chi è stato dietro. Mi riferisco a Rocchi e Alvarez, che ha giocato meno a causa di infortuni”.

Stramaccioni ha anche risposto su come deve cambiare il modulo dell’Inter dopo l’infortunio dell’attaccante argentino: “Abbiamo tante idee per il futuro. Su questa strada sarà percorso il nostro progetto. Il nostro attacco aveva caratteristiche atipiche. Avevamo già giocato con un centrocampista centrale e due seconde punte. Non avendo degli esterni offensivi la gamma di soluzioni è un pochino più limitata. Nessuno ha caratteristiche di esterno offensivo. Fatta questa analisi tattica sia quella che manteremo fin dalla fine. I nostri giocatori offensivi di volta in volta si alterneranno davanti”.

Condividi
Nella vita è un carpentiere meccanico, ma si diletta nell'essere un giornalista. In più fa il marito. Nel tempo libero gioca a Football Manager, e quando riesce dorme. Email: dbertuletti@mondosportivo.it