All Star Game: il Barkley Team spazza via la squadra di Shaq. Applausi per Irving, Rubio e Faried

L’All Star Game 2013 si è ufficialmente aperto nella notte al Toyota Center di Houston, in Texas. Come di consueto la gara inaugurale del weekend più spettacolare del basket mondiale ha visto scendere in campo le future stelle della Nba nel “Rising Stars Challenge”. Campioni al primo anno e al secondo anno di Nba si sono sfidati sul parquet dei Rockets scelti da due general manager, Shaquille O’Neal e Charles Barkley.

Vittoria schiacciante per la squadra di Barkley per 163-135; strepitoso Kenneth Faried dei Denver Nuggets autore di 40 punti e assistito dagli assist di Ricky Rubio (Minnesota Timberwolves) e Thomas (Kings – 10 a testa). 40 punti perfettamente distribuiti per la coppia Leonard (Spurs) e Tristan Thompson (Cavs). Spettacolo puro, nel quintetto di O’Neal, per il rookie della passata stagione e attuale stella dei Cleveland Cavaliers, Kyrie Irving, 32 punti, 6 assistenze e 6 rimbalzi e autore di alcune giocate mozzafiato. Bene anche Dion Waiter (Cleveland Cavs) e Damian Lillard (Portland Trailblazers).

In campo sono scese anche le celebrità divise dalle casacche “Est” e “Ovest”, vittoria per l’ovest 58-38 e fari naturalmente puntati sull’uomo più veloce al mondo, Usain Bolt, che vedrete all’opera nella top 5 della notte con una schiacciatona a due mani.

TOP 5 DELLA NOTTE ALL STAR

KYRIE IRVING SHOW CONTRO BRANDON KNIGHT

A CASA MUTOMBO NON SI PASSA: NO NO NO NO NO NO!

RICKY RUBIO E LE SUE VISIONI CELESTIALI

AH, BOLT NON E’ SOLO L’UOMO PIU’ VELOCE AL MONDO

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it