Milan-Parma 2-1, Paletta frana e SuperMario sorride: i rossoneri volano

Il Milan si porta in zona terzo posto e scavalca l’Inter grazie al successo sul Parma per 2-1. A decidere è ancora una volta una perla di Balotelli che fa quattro gol in tre partite.

TRIDENTE DA COLORE, EX MESBAH –
I due tecnici non stravolgono il proprio undici base: Allegri lascia a riposo El Sharaawy, come previsto alla vigilia, al suo posto sceglie Boateng. In mezzo al campo ritrova Montolivo che dà i giusti ritmi alla manovra rossonera, mentre in difesa ancora fuori Méxes, al suo posto Yepes. Il Parma dell’ex Donadoni, invece, vede Mesbah sull’out sinistro, Valdés a dare brio alla manovra emiliana con Amauri a sostituire Belfodil, affiancato dall’ “ammazzagrandi” Sansone.

PARMA “VIGILE URBANO”: ALZA LA PALETTA – Il Parma se la gioca a viso aperto contro un Milan che lascia qualche perplessità nella distanza tra i reparti. La velocità di Biabiany, non alla migliore serata, le verticalizzazioni di Valdés e i centimetri di Amauri, non lasciano sonni tranquilli ai tifosi di fede rossonera. Dal canto proprio il Milan cerca la giocata del singolo, specie con Boateng, alla sua migliore apparizione stagionale. Tanti i passaggi e le giocate negli ultimi trenta metri; la squadra rossonera ha un difensore in più in Niang che ripiega spesso e volentieri mentre il San Siro fischia, a più riprese, Muntari. Ci prova Amauri su azione d’angolo, risponde Boateng dalla distanza. Un primo tempo molto equilibrato vede irrompere la sfortuna emiliana: il numero dieci rossonero mette un pallone teso in mezzo, il difensore argentino, Paletta, nel tentativo di sventare la minaccia infila un incolpevole Pavarini. Finisce così la prima frazione di gioco, senza neanche un minuto di recupero.

QUATTRO SU TRE, BALOTELLI OK – Il Milan nella seconda frazione di gioco consolida il vantaggio con un buon gioco, tante azioni da gol create e nessuna subita, o perlomeno troppo “importante”. Boateng con un destro a giro fa la barba al palo, Nocerino vede Pavarini fuori dai pali e cerca il gol del venerdì sera. Allegri, invece, non soddisfatto richiama Boateng in panchina e cerca freschezza con Bojan. Il Parma, invece, non punge, fatica a costruire anche grazie a un Milan che si difende discretamente bene. Prima di uscire, Amauri rischia di pareggiare ma ci crede poco su un pallone invitante di Valdés e regala la sfera ad Abbiati. La svolta arriva a dieci minuti dalla fine: sale in cattedra SuperMario Balotelli. Su calcio di punizione, con i giri giusti, scavalca il muro emiliano e batte Pavarini. Pratica chiusa, il Milan può sorridere. Montolivo cerca il tris dalla distanza, l’estremo difensore emiliano vola e ci mette il guantone. C’è solo il tempo per Sansone di completare l’album dell’ammazzagrandi e fissare il punteggio sul 2-1.

Tabellino

Milan-Parma 2-1 (1-0)

MILAN (4-3-3): Abbiati; De Sciglio, Yepes, Zapata, Constant; Nocerino, Montolivo, Muntari; Niang (86′ Traoré), Balotelli, Boateng (64′ Bojan). A disp.: Gabriel, Petkovic, Mexès, Abate, Zaccardo, Flamini, Pazzini. All.: Allegri.
PARMA (3-5-2): Pavarini; Rosi, Coda, Paletta, Mesbah; Marchionni, Valdes, Parolo (55′ Ninis); Sansone, Biabiany, Amauri (71′ Belfodil). A disp.: Bajza, De Angelis, Benalouane, Lucarelli,  Ampuero, Morrone, Palladino, Strasser, Gobbi. All.: Donadoni.

Arbitro: Davide Massa di Imperia.
Reti: 39′ Paletta aut. (M), 78′ Balotelli (M), 92′ Sansone (P)
Note: Ammoniti:
Marchionni (P), Zapata – Espulsi: Recupero: o’p.t./3’s.t.

Condividi
Nasce nel 1993 a Reggio Calabria, ama lo sport e il giornalismo fin da giovanissimo; frequenta la facoltà di Giurisprudenza e dal settembre 2010 collabora con TuttoReggina.com e GenerazioneDiTalenti.