21/a giornata Super League greca: risultati, marcatori e classifica

La ventunesima giornata di Super League vede tornare alla vittoria l’Olympiakos sull’Asteras Tripolis, che perde il secondo posto in favore del PAOK, vittorioso contro l’OFI. L’Atromitos si addormenta sullo 0-0 contro il Veria, mentre il PAS Giannina vince contro il Panionios e approfitta dello scivolone del Levadiakos, schiantato 3-0 dal Panthrakikos, per issarsi in zona Europa. Continua la striscia positiva dell’AEK Atene, che stende il sempre più ultimo Kerkyra, mentre il Platanias esce dalla zona rossa, mandandoci l’Aris, battuto 2-0. Va al galoppo invece lo Xanthi, che batte il Panathinaikos e si trova a -2 dalla post season.

 

Atromitos – Veria: 0-0. 
Terzo risultato utile consecutivo del Veria, che si mantiene fuori dalla zona rossa, non demeritando a Peristeri e, anzi, creando alcuni pericoli sull’asse Mokaké Olaitan. Poco presente la truppa di Anastasopoulos, che vedeva l’esordio di Stefano Napoleoni, vicino al gol con un bel tiro al volo. Sebbene il quarto posto sia consolidato e la distanza dal sesto sia di otto punti, servono ben altre prestazioni per non sudarsi troppo la zona Europa.

PAOK Salonicco – OFI: 3-1 (9′ Perogamvrakis (OFI), 38′ Athanasiadis, 45’+1 Katsikas, 49′ Lawrence).
Ottima prestazione del PAOK, che si riprende il secondo posto, disponibile la cronaca dell’incontro.

Asteras Tripolis – Olympiakos Pireo: 0-1 (92′ + 2 Mitroglou).
Scontro al vertice molto nervoso, giocato su un campo difficile e risolto nel recupero. Disponibile in cronaca.

Panionios – PAS Giannina: 0-1 (19′ Ilic).
Terzo risultato utile consecutivo per il PAS Giannina, che approfitta dello scivolone del Levadiakos per issarsi in zona Europa per la prima volta in campionato. La partita sorride ai ragazzi di Christopoulos già al 13′, quando Leonidas Kampantais viene espulso dopo aver reagito violentemente a un fallo di Tzimopoulos, che verrà poi mandato sotto la doccia al 59′. Il gol è di Brana Ilic, che corregge in porta un tiro ribattuto di De Vincenti. Continua quindi la lenta caduta del Panionios, sempre lontano dalla zona retrocessione, ma pur sempre autore di prove opache, che causano una profonda sfiducia in giocatori e tifosi.

Kerkyra – AEK Atene: 0-1 (14′ rig. Guerreiro).
Cinque risultati utili in fila, di cui quattro vittorie: roba da non crederci. Ancora Guerreiro in primo piano e quota 25 agguantata. L’espulsione di Cordero nel secondo tempo rende la vittoria ancora più sudata e la soddisfazione per avere raggiunto la tanto attesa quiete, ancora maggiore. Vietato rilassarsi ora, poiché l’impresa non è ancora in pugno. L’esordio di Papakostas sulla panchina dei Feaci non è dei più felici: perdere uno scontro salvezza così importante è come fare un altro passo verso il burrone. A meno che il sostituto di Akis Mantzios non sia in vena di miracoli.

Panthrakikos – Levadiakos: 3-0 (37′ Papadopoulos, 58′, 61′ Lucero).
Un grande prestazione di Adrian Lucero spiana la strada al Panthrakikos, che torna alla vittoria dopo cinque turni. L’ex Olimpo de Baya Blanca, prima, fornisce l’assist a Dimitris Papadopoulos, poi corregge in rete il tiro di Vahirua, ribattuto dal palo e infine insacca su preciso passaggio dello stesso libanese. Una buona boccata d’aria, che porta i Traci a quota 25 con AEK e Panionios, mentre il Levadiakos perde il quinto posto e la zona Europa, a causa di una prestazione poco brillante e che ha lasciato troppa iniziativa agli avversari.

Panathinaikos – Skoda Xanthi: 0-1 (40′ Dié).
Il gran bolide dalla distanza di Serge Dié garantisce allo Xanthi il raggiungimento del sesto posto in coabitazione con il Levadiakos, a -2 dalla zona Europa. Ottima la seconda parte di stagione della truppa di Ouzounidis, che però soffre contro un Panathinaikos che le prova tutte, ma trova sempre sulla sua strada un Lodigin strepitoso, che si conferma un giovane portiere di ottimo livello, che ha saputo togliere la titolarità all’esperto Viviani. Ottimo esordio nel PAO per Jokin Esparza, che colpisce anche un palo. Destino cinico e baro per i verdi, che arrivano sempre a sentire il profumo d’Europa e regolarmente cadono alla prima occasione. Ora sono noni a 26 lunghezze.

Platanias – Aris Salonicco: 2-0 (45′ Nazlidis, 62′ Anastasakos).
Nello scontro diretto salvezza del lunedì sera, trionfa il Platanias, che esce dalla zona rossa facendoci piombare clamorosamente l’Aris. Il bel tiro al volo di Nazlidis e il diagonale di Anastasakos chiudono una gara già ben indirizzata dai cretesi grazie a due traverse colpite. Il dio della guerra può protestare per l’espulsione inflitta a Gianniotas al 51′, a causa di un dramma teatrale messo in scena da un avversario appena strattonato a gioco fermo. Fatto sta che ora la situazione si fa seria per la truppa di Salonicco, mentre i bianco-rossi respirano un poco, gongolando per l’ottima prestazione fornita.

 

CLICCA QUI PER VEDERE LA CLASSIFICA DI SUPER LEAGUE.

Condividi
Pavese classe '91, laureato in scienze politiche, per lui lo sport è uno specchio su cui si riflette la storia di un popolo. Stregato dal calcio inglese e greco, ama la politica, l'heavy metal e il whiskey. Email: fpiacentini@mondosportivo.it