VIDEO – Copa Libertadores: il Grêmio ringrazia Elano. Avanzano anche Tigre, Olimpia, Iquique e Deportes Tolima

Due partite decise ai calci di rigore e tanto equilibrio. Le gare di ritorno della Copa Libertadores regalano il passaggio alla fase a gironi a tutte le favorite della vigilia, che andranno così ad impreziosire il già ricco novero di squadre presenti. E, mai come in questa stagione, il livello medio della manifestazione sembra essere veramente elevatissimo.

GRÊMIO-LDU QUITO 1-0 ( 5-4 d.c.r)

http://www.youtube.com/watch?v=ROOr7FvVK-k

Un gol di Elano in mezzo a tanta noia. La perla dai trenta metri dell’ex calciatore di Santos, Galatasaray e City, regala alla formazione Gaúcha i tempi supplementari e il successivo trionfo ai rigori. Decisivi, per gli ecuadoriani, gli errori di Reasco e Motante (ben respinto da Grohe). Basta la prima rete in partite ufficiali realizzata nella nuovissima “Arena do Grêmio” agli uomini di Luxemburgo per passare il turno, ma quanta fatica! Da segnalare, il crollo di una tribuna per la troppa pressione esercitata dai tifosi di casa, con due tifose in prognosi riservata. La Liga de Quito esce a testa alta ma meritatamente, vista la scarsa attitudine al gioco d’attacco mostrata in queste due sfide, passate quasi interamente a difendere il risultato. Passano i brasiliani e arricchiscono la già nutrita colonia verdeoro presente nel torneo.

OLIMPIA-DEFENSOR SPORTING 2-0

Un gol per tempo consentono ai paraguayani di passare il turno. Al “Manuel Ferreira” la partita viene dominata in lungo e in largo dai bianconeri che, complice lo 0-0 dell’andata, partono con il piede sull’acceleratore sin dai primi minuti. Alla mezz’ora gli sforzi dei ragazzi di Almeida vengono premiati dallo stacco aereo di Juan Carlos Ferreyra, abile nel liberarsi della marcatura avversaria e nel battere l’incolpevole Irrazàbal. Gli uruguayani non rispondono e si limitano a praticare uno sterile possesso palla nella metà campo avversaria, almeno fino al sessantesimo minuto: Aranda prende palla ai 25 metri e realizza un “golaço” che stende definitivamente la “Violeta”. Il risultato finale non cambia più, nonostante le numerose occasioni sprecate dall’Olimpia.

DEPORTES-IQUIQUE-LEON 1-1 ( 4-2 d.c.r.)

La sfida più intensa, equilibrata ed emozionante dell’intera fase preliminare, è stata senza dubbia quella andata in scena al “Tierra de Campeones” tra i cileni del Deportes Quique e i messicani del Leon. A spuntarla dopo 180 minuti di passione sono stati i padroni di casa, a cui è servita la lotteria dei calci di rigore. La gara viene decisa nei novanta regolamentari dal messicanoYovanny Arrechea Amu per il Leon e dal rigore di Rodrigo Ezequiel Diaz per il Deportes Quique. Rodrigo Naranjo, portiere di casa, nella sfida dei rigori diventa il protagonista, parando ben tre penalty agli ospiti. Vola così in paradiso la città di Iquique. Avanti il Deportes.

Passano in scioltezza Tigre e São Paulo, le due finaliste dell’ultima Copa Sudamericana, che si sbarazzano agevolmente di Anzoategui e Bolivar.Soffre, invece, il Deportes Tolima, che deve ringraziare Monsalvo per la rete del pareggio realizzata nei pressi del novantesimo minuto.

TUTTI I RISULTATI (in neretto le qualificate alla fase a gironi)

Grêmio-Ldu Quito 1-0 5-4 d.c.r. (And. 0-1) 62′ Elano (G)

Deportivo Anzoategui-Tigre 0-3 (And. 1-2) 8′ Botta (T), 72′ Santander (T), 88′ Maggiolo (T)

Deportes Iquique-Leon 1-1 4-2 d.c.r. (And. 1-1) 47′ Arrechea (L), 55′ Diaz (D)

Cesar Vallejo-Deportes Tolima 1-1 (And.0-1) 45′ Quinteros (C), 86′ Monsalvo (D)

Bolivar-São Paulo 4-3 (And. 0-5) 2′ Luis Fabiano (S), 16′ Jadson (S), 35′ Osvaldo (S), 37′ e 75′ Ferreira (B), 59′ e 69′ Cabrera (B)

Olimpia-Defensor Sporting 2-0 (And.0-0) 35′ Ferreyra (O), 61′ Aranda (O)

Condividi
Nato a Terracina il 1° febbraio 1989. Amante di tutto ciò di sferico che rotola su un campo rettangolare. Collaboratore presso diverse testate giornalistiche, sportive e non. Studia Lettere alla Sapienza di Roma. Email: lsavarese@mondosportivo.it