Premier League: QPR-Norwich 0-0, Redknapp sempre più ultimo

Nel lunch match di Premier League, pari a reti bianche fra Queens Park Rangers e Norwich City. Canaries bravi a strappare un punto prezioso lontani da casa, mentre per il club londinese, ultimo, la Championship è sempre più vicina. Non bastano i colpi di mercato di Redknapp, a Loftus Road il QPR sbaglia anche un calcio  di rigore e si deve accontentare di un punto. 

Non un primo tempo esaltante quello di Loftus Road, perché i padroni di casa mancano di brillantezza, oltre che del guizzo. Né fanno meglio i Canaries, forti di una posizione migliore in classifica e alla ricerca meno disperata di punti. Vero che il QPR è imbattuto da diverse gare, ma col calendario dei match prossimi venturi e il fattore campo a favore ci si aspetterebbe qualcosa di più. Troppo solo, più per superficialità propria che per colpa dei compagni, Taarabt, l’uomo più talentuoso fra i 22 in campo. Alla chance sprecata di testa da Hoolahan al 4′ risponde lo stesso marocchino al 10′, ma è un niente di fatto. La gara fa tutto tranne che divertire, coi padroni di casa superiori tecnicamente e tuttavia poco abili nell’aprire gli spazi. Compatta e diligente la squadra di Hughton, mentre Wright-Phillips vanifica una buona occasione al 35′.

Foto QPR FC
Foto QPR FC

BRAVO JULIO. Decisamente più divertente la ripresa, vuoi per gli spazi che si aprono, vuoi perché le due squadre sono più concrete. Un’occasione grossa ce l’ha Taarabt poco dopo il rientro, mentre al 53′ è il Norwich a sfiorare il vantaggio, ancora con Hoolahan. Al 54′, cambio e trazione anteriore per Redknapp, che inserisce il bomber Zamora, pur lontano dalla forma migliore. Momento di svolta e massima tensione al 56′, quando in uscita laterale Bunn atterra Mackie: per Moss è rigore e dal dischetto si presenta il solito Taarabt, che si fa ipnotizzare e parare il rigore. Nonostante la manovra dica QPR, Julio Cesar si deve superare in diverse occasioni, confermando la bontà del suo acquisto ma anche la fragilità del pacchetto arretrato, anche dopo l’arrivo di Samba in sede di mercato. Se l’ex Anzhi Makhachkala stacca forte di testa al 68′, il Norwich risponde con la velocità di Snodgrass, che fa tremare lo stadio al 79′. Manca un vero forcing finale anche se le occasioni si vedono: si chiude a reti bianche, per il disappunto dello staff dei Queens Park Rangers, la cui classifica piange sempre più.

Passo indietro per il club londinese, ancora in striscia positiva ma ostaggio dei risultati delle altre contendenti. Se qualcuna delle dirette avversarie nella lotta per evitare la Championship dovesse vincere, la strada della salvezza si farebbe ancora più in salita per Fabio e compagni. Norwich, al contrario, sicuro nella sua posizione relativamente tranquilla in classifica, forte di un punto strappato con la lotta ma senza troppo affanno. E certo rassicurato dall’attuale 13esimo posto in Premier League.

QPR-NORWICH 0-0
QPR: Cesar; Fabio (74′ Ben-Haim), Samba, Hill, Traore, Wright-Phillips (54′ Zamora), Derry, Mbia (68′ Jenas), Townsend, Taarabt, Mackie. A disp.: Green, Granero, Bothroyd, Park,. All. Redknapp
Norwich: Bunn, Martin, Johnson, Bassong, Turner, Snodgrass, Holt, Pilkington (24′ Bennett), Hoolahan (87′ Becchio), Garrido, Tettey. A disp.: Camp, Barnett, Howson, Jackson, Whittaker. All. Hughton
Arbitro: Jon Moss (West Yorkshire)
Note: Ammoniti: M’Bia, Hill (Q), Garrido, Bunn, Tettey, Bassong, Turner. Spettatori: 17,543. Rigore sbagliato da Taarabt (Q)

Condividi
Sardo classe 1987, ama il rugby, il calcio e i supplementari punto a punto. Già redattore di Isolabasket.it e della rivista cagliaritana Vulcano, si è laureato in Lettere con una tesi su Woody Allen. Email: mportoghese@mondosportivo.it