L’agente Fifa: “Kovačić talento, ma l’Inter punti su di lui”

Zvonimir Boban, Luka Modric: nomi altisonanti che fanno sognare i tifosi. A loro è stato paragonato recentemente Mateo Kovačić,  centrocampista croato di appena 18 anni che l’Inter ha prelevato nell’ultima sessione di calciomercato dalla Dinamo Zagabria. Un piccolo fenomeno, secondo molti. E anche secondo l’agente Fifa Roberta Concas, che al sito calciomercato.com ha rilasciato dichiarazioni interessanti. “Mateo Kovačić è un ragazzo dall’enorme potenziale, molto tecnico, con un gran talento, veloce,  dotato di un dribbling  importante. E’ un giocatore umile ma carismatico, in campo è sempre nel vivo del gioco, sicuramente un predestinato, è anche il più giovane ad aver debuttato e segnato nella Serie A croata” ha commentato. Per accaparrarsi Kovačić, l’Inter ha superato la concorrenza del Manchester United essendo la seconda squadra a fare uno sgambetto a Sir Alex Ferguson dopo il colpaccio della Juventus con Paul Pogba. “Ferguson è uno dei suoi – aggiunge l’esperta di calcio croato – e l’arenarsi della trattativa per l’acquisto di Paulinho ha portato i vertici dell’Inter a virare rapidamente su  Kovačić, magari meno famoso del brasiliano per via della giovane età e del campionato in cui militava, ma sicuramente più forte tecnicamente. Dal punto di vista squisitamente tecnico, visto il suo potenziale e le sue qualità abbinate alla giovane età, vale  i soldi che il presidente Massimo Moratti ha speso per portarlo in Italia”. Il parallelismo con un altro giovane talento viene praticamente spontaneo. “Marco Verratti l’anno scorso, pur arrivando dalla Serie B italiana e non avendo alcuna esperienza europea, è stato preso dal Paris Saint Germain per 12 milioni e sta dimostrando di valere quella cifra. E non dimentichiamoci che Pato venne pagato 22 milioni dal Milan. Quindi gli 11 milioni di euro più bonus per il centrocampista croato sono più che giustificati” prosegue. Una volta assicuratasi il talento  Kovačić, però, l’Inter deve avere il coraggio di puntare su di lui fino in fondo. “Le qualità tecniche e caratteriali per imporsi sin da subito le ha tutte, certo bisogna dargli il tempo strettamente necessario per ambientarsi nel campionato italiano. La risposta vera la darà solo il campo, ad esempio, chi si sarebbe aspettato che Modric faticasse così tanto quest’anno in Spagna?  Kovačić, anche se giovane, è un ottimo calciatore, può benissimo giocare da titolare nell’Inter di Stramaccioni.  L’importante è che, così come il Psg ha puntato fermamente su Verratti, anche l’Inter punti su di lui senza titubanze” afferma Roberta Concas.

Condividi
Nata il 7 ottobre 1982 e laureata in Teorie e tecniche della comunicazione mediale, è giornalista professionista. Lavora al quotidiano Il Giorno. Musica, cinema e sport (tranne i motori) sono le sue droghe.