Conte: “Anelka? Deve entrare in determinati meccanismi”

Antonio Conte si è presentato in conferenza stampa alla vigilia della sfida della “sua” Juventus contro il Chievo Verona: “È un momento difficile? Se guardo la classifica dico di no, e nemmeno se guardo la Champions o la Coppa Italia: abbiamo sfiorato la finale e rivedendo la doppia sfida con la Lazio meritavamo qualcosa in più. I risultati vengono dopo la prestazione, sono molto sereno: la squadra non mi è mai spiaciuta, tranne contro la Sampdoria. Con quei 3 punti in più saremmo a più sei sul Napoli, ultimamente non ci gira benissimo. Con i ragazzi parlo solo ed esclusivamente di calcio, abbiamo fatto un’analisi approfondita sul perchè nelle ultime partite siamo stati rimontati 4 volte e sui tanti gol subìti. Non cercherò mai alibi per giustificare una sconfitta. La preparazione: non abbiamo fatto carichi particolari a Natale, spesso i giudizi sulle partite vengono dati sulla base dei risultati. Gli arbitri? Andiamo a Verona sereni: pensiamo al campo e accettiamo tutte le situazioni ed essere più forti e consapevoli che ci sono momenti più o meno favorevoli”.

Il tecnico ha anche parlato di Anelka, ultimo acquisto bianconero: “Nicolas debbo dire che si è presentato comunque in condizioni fisiche discrete; calcolando che l’ultima partita di Anelka in Cina l’ha giocata ad ottobre, sicuramente ha dimostrato di essere un grande professionista, perchè è arrivato in una condizione fisica, sia da un punto di vista di peso che di massa corporea… bene, bene, anche da un punto di vista metabolico è in discrete condizioni. Deve entrare in determinati meccanismi. Voi sapete l’importanza degli attaccanti nel nostro gioco, stiamo cercando di fare una full immersion sia sul campo che  vis-à-vis, quindi ci vediamo nello spogliatoio spesso e parliamo di situazioni tattiche perchè per noi è importante che lui capisca ed entri quanto prima in determinati meccanismi. Escluso sicuramente l’utilizzo all’inizio per domani contro il Chievo”.

Sul mancato ricorso alla sua squalifica, Conte commenta così: “Ci sono dei regolamenti e io penso che i regolamenti debbano essere rispettati. Io posso contestare le regole ed è nel mio diritto contestare le regole, però  i regolamenti ci sono e devono essere rispettati, quindi io li rispetto”.

 

Condividi
Nella vita è un carpentiere meccanico, ma si diletta nell'essere un giornalista. In più fa il marito. Nel tempo libero gioca a Football Manager, e quando riesce dorme. Email: dbertuletti@mondosportivo.it