Montella: “Sono felice di tornare a Catania. E domani…”

Intervistato telefonicamente dal giornale regionale La Sicilia Vincenzo Montella (38) ha parlato con un occhio alla sfida di domani tra la sua Fiorentina e la sua ex-squadra, il Catania. Montella ha esordito dicendo: “Sono felice di tornare a Catania, perché trovo molti amici, incontro la squadra alla quale sono affezionato e riabbraccio molti dirigenti con cui avevo legato in maniera speciale”. Sui cambiamenti del Catania da quando lui ha lasciato la guida tecnica della squadra Montella ha aggiunto: “La squadra è cresciuta nei singoli e anche come gruppo: parlo di mentalità, di idee di gioco. Credo che sia stato costruito qualcosa di importante e anche adesso i risultati si notano. Attenzione, non voglio screditare il lavoro attuale, se dico che la scelta, di allora, di portare a Catania determinati giocatori fu di Lo Monaco. Maran ha fatto davvero benissimo. Dare continuità, dopo una stagione molto positiva, non è semplice, soprattutto in una piazza spesso abituata a lottare per la salvezza. Invece, adesso, gioca il miglior calcio in assoluto. Ho visto spesso le partite dei rossazzurri e confermo quanto giochi un ottimo calcio. Il merito, ovvio, è dell’allenatore e dell’organizzazione societaria, che si è ricreata. Non arrivano per caso, i risultati: i punti sono figli di un lavoro di base importante” .

La chiosa di Vincenzo Montella è poi dedicata a cosa gli manca di Catania e a come vede la sfida di domani: “Premesso: a Firenze sto benissimo, ma la Sicilia mi manca e lo dico con estrema sincerità. Il rapporto con le persone, per esempio, e voi sapete che difficilmente mi lego e lo dico pubblicamente. A Catania, invece, s’è verificato tutto il contrario. Ricordo con affetto il direttore sportivo Bonanno, il team manager Orazio Russo, le famiglie dei dirigenti Franchina e Borbone, i massaggiatori, i medici. Una stima che conservo gelosamente dentro di me. Bergessio e Lodi assenti? Meglio per me (ride, ndr), anche se devo ammettere che i sostituti hanno sempre coperto il ruolo in maniera produttiva. Penso a Castro, un giocatore che non lascia punti di riferimento agli avversari. Fischi o applausi? L’uno e l’altro, forse. Intimamente spero che mi possano applaudire, ma ci tengo, soprattutto, a ricevere gli abbracci di chi mi ha conosciuto personalmente, ogni giorno, per un anno agonistico. Pulvirenti? Ci siamo parlati, anche se non siamo andati proprio in fondo a quel che era successo la scorsa estate. Ma io lo stimo molto. Io lo abbraccerò, spero che lui faccia altrettanto, anche se poi dovesse fischiarmi…“.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE CONFERENZE STAMPA DEI TECNICI DI SERIE A!

Condividi
Dal 2002 vive a Monaco di Baviera, dove studia Americanistica e lavora per una compagnia di statistiche sportive, così può seguire i tornei giovanili e coltivare la sua passione più grande: individuare nuovi talenti. Email: lperuzzi@mondosportivo.it