Premier League, 22/a giornata: Manchester avanti in coppia

Domenica pomeriggio di Premier League che si preannunciava intrigante, con due grandi sfide come posticipo. Il Manchester United ha la meglio sul Liverpool, ad Old Trafford, con un 2-1 finale (qui la cronaca della gara) che ha rischiato di sfuggire di mano agli uomini di Sir Alex Ferguson. Avvio bruciante dei padroni di casa, Liverpool obiettivamente in confusione, e vantaggio con il solito van Persie, ormai una certezza in zona gol per la parte rossa di Manchester. Gli ospiti faticano a reagire e, anzi, commettono un paio di errori clamorosi che per poco non portano al raddoppio Utd. Si va all’intervallo con l’1-0 di misura che sta stretto a Sir Alex. Nella ripresa sembra fatta con il raddoppio di Vidic in avvio, ma il nuovo acquisto del Liverpool Sturridge entra in campo e cambia il ritmo dei suoi. Gol che accorcia le distanze e traversa piena per il possibile 2-2. Il finale è tutto di marca ospite, con lo United che stringe i denti in difesa e porta a casa 3 punti cruciali.

Vittoria ancor più importante perché i “cugini” del Manchester City vanno a vincere 2-0 in casa dell’Arsenal. Il distacco in vetta tra le due metà mancuniane resta invariato, ma la squadra di Mancini supera uno scoglio che, alla vigilia, poteva essere molto pericoloso. In realtà, invece, la partita si risolve in modo molto più semplice del previsto. Wenger mette in campo una formazione poco concreta e si trova subito a dover scalare una montagna: dopo 10 minuti Koscielny affossa Dzeko in area, calcio di rigore ed espulsione. Lo stesso Dzeko dal dischetto si vede parare il rigore da Szczesny (palla deviata sul palo e di nuovo tra le braccia del portiere) ma ormai la gara è segnata. Passano altri 10 minuti e Milner mette i suoi avanti con un gran gol dall’interno dell’area. Alla mezz’ora il raddoppio City, con Dzeko che stavolta non può sbagliare l’appoggio in rete da due passi, dopo una respinta corta di Szczesny su tocco di Tevez.

La partita è ampiamente finita. L’Arsenal non può e non riesce a reagire, l’ingresso di Giroud serve a poco e, nel secondo tempo, l’espulsione di Kompany è un involontario tentativo dell’arbitro Mike Dean di riaprire la gara, peraltro con una decisione che sembra ingenerosa verso il centrale degli ospiti. Il Manchester City fallisce il 3-0 con Tevez solo in campo aperto, ipnotizzato da Szczesny, mentre Walcott non trova il gol della speranza quasi al 90′ con Lescott che salva sulla linea.

L’Arsenal resta bloccato in 6a posizione di classifica, a -3 dall’Everton (e con una partita da recuperare), mentre il Manchester City sale a 48 punti, restando come detto a -7 dallo United capolista.

qui i risultati del Sabato

Domenica
Manchester United-Liverpool2-1  (19′ Van Persie (M), 54′ Vidic (M), 57′ Sturridge (L))
Arsenal-Manchester City: 0-2 (21′ Milner, 32′ Dzeko)

PER CONSULTARE LA CLASSIFICA DELLA PREMIER CLICCA QUI

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.