Premier League, 22/a giornata: Walters apre la strada al Chelsea, Lampard da record

Ventiduesima giornata di Premier League, sabato piuttosto ricco di partite interessanti, in attesa delle due grandi sfide in programma domenica (Man Utd-Liverpool e Arsenal-Man City).

Il Tottenham stecca nel match dell’ora di pranzo, pareggiando 0-0 sul campo del QPR. A Loftus Road va in scena una gara molto noiosa e l’impostazione totalmente difensiva dei padroni di casa alla fine paga, regalando a Harry Redknapp un punticino che smuove la classifica e lasciando, invece Vilas-Boas con molti rimpianti (qui un’ampia cronaca della gara).

Nel pomeriggio pareggiano 0-0 Everton e SwanseaNorwich-Newcastle. Due gare di metà classifica, con vista sulle zone alte soprattutto per quanto riguarda la partita di Goodison Park. Ne viene fuori poco, però, e alla fine è lo Swansea ad essere più felice, con un’ottima prestazione del pacchetto difensivo che tiene lontano l’Everton dalle occasioni gol che contano. Anche a Carrow Road non si assiste ad una partita memorabile e anche qui il pareggio è utile, soprattutto perché interrompe il periodo di sconfitte di entrambe le squadre.

Il Chelsea batte 4-0 lo Stoke City ma, in questo caso, succede molto di più che nelle altre sfide appena citate. Pomeriggio da incubo per Jon Walters, attaccante irlandese dei padroni di casa, che spiana la strada agli uomini di Benitez con due autoreti consecutive. Il Chelsea poi dilaga con il rigore di Lampard e un fantastico gol di Hazard e, nel finale, ancora Walters completa il “disastro” calciando alto il rigore del possibile 1-4 per i suoi. È la prima sconfitta interna per lo Stoke dal febbraio 2012, una striscia durata 17 partite consecutive. Menzione speciale per il capitano del Chelsea, Frank Lampard che sale a 194 reti per il Club, ed è secondo assoluto in questa graduatoria dopo aver lasciato Kerry Dixon a quota 193. Bobby Tambling guida questa classifica con 202 reti e Lampard può (e deve) superarlo entro la fine della stagione, vista anche la volontà di Abramovich di non rinnovargli il contratto.Sunderland PP

In coda avvengono, invece, movimenti interessanti: il Reading compie una rimonta incredibile e batte il WBA 3-2. Gli ospiti passano con una doppietta di Lukaku e sono tranquillamente in vantaggio per 2-0 a venti minuti dalla fine. I padroni di casa, però, trovano l’incredibile reazione e, negli ultimi 8 minuti, ribaltano il risultato conquistando 3 punti cruciali nella lotta salvezza. Allo stesso modo è molto importante la vittoria per 3-0 del Sunderland contro il West Ham, in una gara ampiamente dominata dai Black Cats e messa subito in ghiaccio dal gol in avvio di Larsson.

Brutta caduta, invece, per l’Aston Villa che perde 0-1 in casa contro il Southampton. Per i Villans continua il periodo nero, dopo la sconfitta in Coppa di Lega di metà settimana, e ora la classifica dice terz’ultimo posto, in piena zona  retrocessione. Gli uomini di Lambert vengono condannati da un rigore di Lambert e nella ripresa tentano di forzare un assedio ma colgono solo la traversa con Nathan Baker. Occasione persa, infine, per il Fulham bloccato 1-1 dal Wigan in casa, a Craven Cottage. Il vantaggio di Karagounis non basta e, a venti minuti dalla fine, un gol pazzesco di Di Santo regala il pari ai suoi, che restano a galla tra inferno e paradiso al terz’ultimo posto insieme all’Aston Villa.

Sabato
QPR-Tottenham0-0
Aston Villa-Southampton: 0-1 (34′ rig. Lambert)
Everton-Swansea: 0-0
Fulham-Wigan: 1-1 (22′ Karagounis (F), 71′ Di Santo (W))
Norwich-Newcastle: 0-0
Reading-WBA: 3-2 (19′ e 69′ Lukaku (W), 82′ Kebe (R), 88′ rig. Le Fondre (R), 90′ Pogrebnyak)
Stoke City-Chelsea: 0-4 (45’+2 aut. e 63′ aut. Walters, 66′ rig. Lampard, 73′ Hazard)
Sunderland-West Ham: 3-0 (12′ Larsson, 47′ Adam Johnson, 74′ McClean)

Domenica
Manchester United-Liverpool
Arsenal-Manchester City

PER CONSULTARE LA CLASSIFICA DELLA PREMIER CLICCA QUI

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.