L’Inter ritrova vittoria e morale: Pescara sconfitto per 2-0

Le reti di Rodrigo Palacio e Fredy Guarin permettono all’Inter di ritrovare la vittoria dopo tre partite di digiuno. Una per tempo le reti, con l’argentino che sblocca la partita al 34′, poi il “Guaro” nella ripresa mette la firma sull’incontro con il gol del definitivo 2-0. Abruzzesi poco convinti di poter fare risultato a S.Siro, e soprattutto mai pericolosi nei pressi della porta di Handanovic e spesso disattenti in difesa.

LA PARTITA – Stramaccioni sceglie Benassi e Jonathan nell’undici titolare, lasciando in panchina Gargano e Milito. Bergodi risponde con la formazione tipo, e prepara i suoi ad una partita completamente difensiva. A prendere in mano le redini dell’incontro, infatti, è – come pronosticabile – la squadra nerazzurra. Le occasioni create, però, si contano sulle dita di una mano: prima Cassano si fa ipnotizzare da Perin, poi proprio un velo di Fantantonio permette a Palacio di trovare la via del gol. Gli ospiti rispondono con qualche contropiede mal gestito e tanti tiri dalla distanza, nessuno di questi efficace. Nel finale del primo tempo, l’Inter avrebbe l’opportunità di raddoppiare, ma Jonathan alza troppo un cross facile che avrebbe permesso a Palacio di concludere a porta vuota. Passano i minuti, e gli abruzzesi non danno l’impressione di poter trovare la via del pareggio: al contrario, l’Inter produce più di una palla gol, trovando anche il raddoppio al 54′ grazie a Guarin, migliore in campo per i nerazzurri. E’ il gol che mette in ghiaccio la partita e consegna i tre punti all’Inter, che spera così di essere uscita dalla crisi. Nel finale spazio anche a Milito e Rocchi, con quest’ultimo particolarmente attivo e vicino al gol in un paio di occasioni. Finisce 2-0 per gli uomini di Stramaccioni, che ritrovano vittoria e morale nella stessa sera: il test che darà le risposte vere, però, è atteso settimana prossima, all’Olimpico contro la Roma di Zeman.

INTER-PESCARA 2-0 (1-0)

Inter (3-4-1-2): Handanovic; Chivu, Cambiasso, Silvestre; Jonathan, Zanetti, Benassi, Pereira; Guarin (77′ Mudingayi); Cassano (67′ Rocchi), Palacio (86′ Milito). A disp.: Belec, Di Gennaro, Coutinho, Mariga, Obi, Gargano, Duncan, Bianchetti, Livaja. All.: Andrea Stramaccioni.
Pescara (4-3-1-2): Perin; Balzano, Terlizzi, Capuano, Modesto; Bjarnason, Colucci, Nielsen (63′ Cascione); Weiss (81′ Caprari); Jonathas, Celik (76′ Abbruscato). A disp.: Pelizzoli, Falso, Zanon, Romagnoli, Bocchetti, Vukusic, Blasi. All.: Cristiano Bergodi.
Arbitro: Domenico Celi di Bari.
Marcatori: 31′ Palacio (I), 54′ Guarin (I).
Note – Ammoniti: Benassi, Palacio (I), Celik, Balzano (P).

Condividi
Nato a Genova nel maggio 1992; è un appassionato di calcio, basket NBA e pallavolo (sport che ha praticato per molti anni). Frequenta la facoltà di Scienze Politiche, indirizzo amministrativo e gestionale. Email: alelli@mondosportivo.it