Esclusiva Mp – Atalanta, Favini: “Felice per Colantuono. Bonaventura? Se continua così…”

E’ una giornata di sorrisi in casa Atalanta: il rinnovo di Stefano Colantuono fino al 2016 e il ritorno di Michele Canini, cresciuto proprio nelle giovanili orobiche. Abbiamo scelto di commentare le notizie assieme a Mino Favini, responsabile del settore giovanile nerazzurro e tra i simboli della società.

Signor Mino, partiamo dal rinnovo di Colantuono: in un periodo in cui si esonera facilmente, l’Atalanta ha dato proprio un bel segnale…

E già, è proprio vero. Del resto quando un allenatore gode della fiducia di tutte le componenti, piazza e società, non ci sono motivi per separarsi. Ma è già ufficiale?

Dall’ora di pranzo…

Ovviamente sapevo che c’era un trattativa in corso, perché se ne parlava da parecchio, ma io sono qui a seguire l’allenamento dei giovani e mi sono perso l’ufficializzazione (ride n.d.r). Comunque, ribadisco quanto detto in precedenza: la notizia mi fa davvero felice. Stefano lo merita.

E’ ritornato anche un ragazzo, Michele Canini, che lei conosce molto bene…

E’ cresciuto qui con noi, ha fatto ben 12 anni di Atalanta prima di andare alla Sambenedettese e poi al Cagliari. Credo avesse il cruccio di non essere mai riuscito ad esordire con la prima squadra; io ci ho parlato ieri e l’ho sentito molto contento per questo ritorno. 

Canini poteva ottenere qualcosa in più dalla sua carriera?

Ha fatto buonissime cose, il suo curriculum è di tutto rispetto. Ricordiamoci che ha solo 27 anni e quindi tutto il tempo per raggiungere nuovi obiettivi: intanto speriamo dia una bella mano all’Atalanta.

Bonaventura può essere il prossimo uomo mercato?

Il ragazzo è cresciuto molto negli ultimi mesi, soprattutto dal punto di vista fisico. Si è irrobustito e tiene meglio nei contrasti, valorizzando ancor di più la sua tecnica. Oggi come oggi è un elemento di spicco della prima squadra: se continuerà così, ingolosirà tanti club. Per me è uno dei giovani più promettenti d’Italia.

In giro per la Serie B avete diversi elementi, su tutti Colombi e Minotti, che stanno facendo davvero bene…

Sono tutti ragazzi che la società segue con attenzione per valutare se possono fare al caso dell’Atalanta già dal prossimo anno. Lei ha citato Colombi e Minotti, ma io ricorderei anche Baselli, un 92 che gioca titolare nel Cittadella. 

E dal vostro florido vivaio può indicarci un nome da seguire scrupolosamente?

Di giovani bravi ne abbiamo, ma non rientra nella mia filosofia privilegiare un singolo a discapito del collettivo. Inoltre, questi ragazzi devono ancora completare il loro percorso di crescita con i nostri bravissimi allenatori.

 

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.