Cori razzisti: un turno a porte chiuse per la Pro Patria

La Pro Patria di Aldo Firicano sarà costretta a disputare la prossima partita casalinga di campionato, valevole per il girone A di Seconda Divisione, a porte chiuse. Lo ha deciso il Giudice sportivo dopo i cori razzisti di alcuni ultras bustocchi nei confronti di Kevin Prince Boateng. La sanzione sarà scontata in occasione della sfida al Rimini del 20 gennaio.

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.