Esclusiva Mp – Reggina, Giacchetta: “Su Ceravolo solo chiacchiere. N.Viola? Non fa più per noi”

Il passaggio di Fabio Ceravolo al Genoa, con il possibile inserimento della Ternana, sembrava quasi scontato nelle ultime ore. Simone Giacchetta, responsabile dell’area tecnica della Reggina, smentisce però tutto: il calciatore, secondo le sue parole, non ha ancora ricevuto offerte concrete. Nella chiacchierata con il 43enne di Ancona abbiamo cercato di smascherare le strategie del marcato amaranto…

Simone Giacchetta, Ceravolo-Genoa è un affare in via di conclusione?

Assolutamente no. Non ci è pervenuta nessuna offerta concreta per il ragazzo: al momento sono state fatte solo chiacchiere. Mi creda.

Se il ragazzo dovesse partire, arriverebbe un sostituto in attacco?

Beh, è da valutare. Il nostro reparto offensivo è abbastanza folto: un’eventuale partenza non creerebbe grossi scompensi. Ovviamente se a lasciarci fosse un calciatore dalle caratteristiche particolari come Ceravolo, bisognerà vedere se in rosa ci sarà qualcuno in grado di prenderne il posto.

Doukara vi piace?

Non è un calciatore adatto per la Reggina. I suoi requisiti non corrispondo con ciò che noi abbiamo in mente.

Ci sono possibilità per un ritorno di Nicolas Viola?

Stiamo parlando di un ragazzo che alla Reggina ha già dato tanto, ricevendo in cambio una forte visibilità. Ormai le sue doti sono note a tutti: non fa più al caso nostro, tornare indietro sarebbe un blocco per la sua carriera. Gli auguro le migliori fortune, con il Palermo o con un’altra squadra.

Adejo ha tanti estimatori: resterà fino a giugno?

Guardi, bisogna partire da un presupposto: la Reggina non ha mai trattenuto nessuno con forza. Se per il ragazzo dovesse arrivare un’offerta interessante già a gennaio, senza dubbio la valuteremo; in caso contrario se ne riparlerà la prossima estate.

Avete sempre difeso Dionigi, anche nei momenti peggiori. Vuol dire che la squadra ha ampi margini di miglioramento?

Deve essere per forza così, siamo obbligati a pensarla in questo modo. Personalmente non posso credere che la Reggina valga l’attuale posizione di classifica: abbiamo dei calciatori bravi, seppur giovani, e un tecnico capace verso cui riponiamo la fiducia più assoluta.

Natale in campo e gennaio “a casa”: esperimento da rifare?

Per me sì. L’ho apprezzato tantissimo: ha dato una forte visibilità alla Serie B e, attualmente, ci permette di affrontare un mese delicato in maniera tranquilla.

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.