Raiola: “El Kaddouri? Vuole restare a Napoli”

Mino Raiola, noto procuratore di calciatori del calibro di Balotelli, Hamsik e Ibra, è intervenuto ai microfoni di “Radio Crc” per fare il punto di alcune situazioni di mercato dei suoi assistiti e non solo. In primo luogo, esordisce parlando di Edu Vargas: “Sono a San Paolo, sono giorni in cui si potrà chiudere per Robinho, ma non siamo arrivati ancora alla chiusura definitiva. Mi risulta che il San Paolo sia interessato ad Edu Vargas. È difficile giudicare senza avere tutte le informazioni a disposizione. So che il cileno ha mercato e parecchie formazioni hanno chiesto informazioni su di lui. È stato fatto un investimento importante da parte del Napoli. Secondo ciò che mi risulta, però, il San Paolo avrebbe fatto una proposta di acquisto importante al Napoli“.

Sempre restando a Napoli, chiarisce la situazione di Cavani: “Cavani? Non ho mai detto che Cavani andrà via da Napoli a giugno. Ho solo detto che ci sono pochissime squadre disposte a spendere la cifra imposta dal Napoli con la clausola rescissoria. Se queste squadre cercano una punta, questa cifra sarà pagata. Detto questo, il giocatore ha un ruolo primario nelle trattative perché sta a lui dare la disponibilità a trasferirsi in un altro club”

Infine, sulle voci di mercato che vorrebbero uno scontento El Kaddouri al Palermo: “Il Napoli non vuole darlo in prestito nel senso che è molto felice del ragazzo e il calciatore è entusiasta di Napoli, vorrebbe restare. Starà a noi valutare quale sarà la migliore soluzione per il ragazzo se restare in azzurro o andare a giocare sei mesi altrove. Per il momento, non c’è nulla di concreto. El Kaddouri già conosceva il calcio italiano rispetto a Vargas. Quando si prende un giocatore dall’estero, bisogna mettere in preventivo un periodo di adattamento. Per un giovane è difficile ambientarsi in Italia“.

 

Condividi
Nato a Gaeta nel 1988. Appassionato di (grande) calcio, ma anche di molti altri sport. Dopo aver calpestato svariati campi di terra ed erba, ha deciso di tentare la sua prima avventura in una redazione.