Coppa d’Africa 2013: gli “italiani” in gara (prima parte)

La Coppa d’Africa 2013 sarà, come da tradizione, una vetrina importante a livello internazionale per giovani e calciatori semi sconosciuti, vogliosi di mettere in mostra le proprie qualità, sperando di trovare l’ingaggio della vita. Accanto a quelli emergenti, tuttavia, ci saranno giocatori già affermati, famosi, alcuni dei quali veri e propri leader delle rispettive squadre di club, costrette a fare a meno delle loro prestazioni per alcune settimane.

Anche il calcio italiano “presterà” diversi elementi a Sud Africa 2013: dallo juventino Asamoah all’udinese Benatia, dal calciatore del Sassuolo Boakye al milanista Mesbah. Chi più chi meno creerà qualche problema ai rispettivi tecnici, costretti a sostituirli degnamente, sperando nel profondo del proprio cuore di riabbracciarli il prima possibile. Scopriamo, dunque, quali sono i calciatori che parteciperanno alla Coppa, analizzando il vuoto che lasceranno e come potrebbero essere sostituiti.

Va sottolineato che alcune delle selezioni NON hanno ancora comunicato gli elenchi ufficiali dei convocati; PER QUESTI CASI, ipotizziamo una probabile convocazione, in base alle presenze e alla costanza di chiamate con le rispettive rappresentative.

Kwadwo Asamoah, Ghana – Juventus: sarà senza dubbio il calciatore “italiano” più rappresentativo a Sud Africa 2013. Il centrocampista della Juventus, incluso nella lista provvisoria dei 25 pre convocati da parte del CT Appiah, sarà uno dei punti fermi della nazionale ghanese, una delle favorite per la vittoria finale. Dopo ottime stagioni in forza all’Udinese, il ventiquattrenne è cresciuto in maniera esponenziale dopo il suo approdo nelle fila dei campioni d’Italia, tanto da diventarne un titolare fisso e uno dei punti di forza. Considerando che, come detto, il Ghana potrebbe andare molto avanti nella competizione, la sua assenza sarà un problema di non poco conto, proprio per la spinta e la potenza fisica; mister Conte dovrebbe sostituirlo col cileno Isla, anche se nei giorni scorsi si era ipotizzato l’arrivo di un altro ex friulano, il colombiano Armero.

Ogenyi Eddy Onazi, Nigeria – Lazio: quella di Sud Africa 2013 potrebbe rivelarsi come una vetrina importantissima per il giovane centrocampista della Lazio. Classe 1992, il ragazzo si sta affacciando gradualmente all’interno della rosa della prima squadra, disputando anche qualche partita da titolare, soprattutto in Europa League; buon calciatore, Onazi potrà crescere ulteriormente. Nonostante i suoi vent’anni vanta già due presenze con la maglia delle super aquile nigeriane. Per il momento è stato inserito dal commissario tecnico Keshi nella lista dei papabili partecipanti alla Coppa; vedremo se farà effettivamente parte della spedizione della Nigeria, pronta al riscatto dopo la mancata partecipazione della scorsa edizione.

Richmond Boakye Yiadom, Ghana – Sassuolo: in realtà di proprietà della Juventus, il talentuoso attaccante ghanese potrebbe esplodere definitivamente in questa Coppa d’Africa. Agile, potente, col fiuto del gol, il giovanissimo Boakye dovrebbe far parte della lista definitiva delle 23 Black Stars convocate da mister Appiah. Qualora dovesse partire per il Sud Africa, sostituire il diciannovenne sarebbe davvero un bel problema per il tecnico modenese Di Francesco, specialmente se il Ghana dovesse arrivare in fondo alla competizione. Boakye, infatti, è uno degli elementi migliori della splendida formazione neroverde; schierato solitamente nel tridente con Catellani e l’altro gioiellino Berardi, è tra i protagonisti assoluti del primato del Sassuolo. Come detto, Sud Africa 2013 potrebbe essere il trampolino di lancio definitivo per la sua carriera.

Mounir El Hamdaoui, Marocco – Fiorentina: nato e cresciuto in Olanda, l’attaccante della Fiorentina ha deciso di sposare la causa della nazionale marocchina, di cui è tra i bomber principi. Al suo primo anno nella Serie A italiana, l’ex Ajax sta dimostrando molte delle qualità messe in luce nella Eredivise, quando segnava gol a raffica prima con la maglia dell’AZ, poi con quella dei lancieri di Amsterdam. Il tecnico dei Leoni dell’Atlante, Rachid Taoussi, lo ha inserito nell’elenco dei 24 pre convocati per Sud Africa 2013, lista dalla quale, evidentemente, verrà tagliato fuori un nome. Un problema di non poco conto per la Fiorentina, visto che il reparto avanzato della Viola non possiede tantissime punte; in più, se si tiene conto che spesso El Hamdaoui è entrato a partita in corsa segnando diversi gol, è facile comprendere l’importanza del marocchino per la squadra di Montella.

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.