Blackout Napoli e il Bologna porta a casa i tre punti

Un folle posticipo, quello disputato stasera al San Paolo di Napoli. Una gara che doveva consacrare il secondo posto del Napoli e invece si è conclusa con l’incredibile vittoria bolognese, maturata in un finale dove i partenopei hanno improvvisamente spento la luce, rimediando un uno-due terrificante. La sconfitta del Napoli permette in questo modo alla Juventus di laurearsi Campione d’Inverno con largo anticipo.

GABBIADINI GELA IL SAN PAOLO – Nel Napoli mister Mazzarri sceglie ancora Insigne come partner d’attacco di Cavani, mentre tra i felsinei rientra dopo la squalifica Gabbiadini. Buono l’avvio dei partenopei, pericolosi già al 5′, quando sugli sviluppi di un corner Britos sfiora l’incrocio dei pali con un sinistro volante; il Napoli sembra controllare l’incontro, ma al primo affondo il Bologna passa: cross dalla sinistra di CherubinGabbiadini da solo non ha difficoltà a segnare il gol del vantaggio. Dormita generale della difesa dei campani, che provano a rispondere col solito Cavani su punizione, ma Agliardi non si lascia sorprendere; il portiere ospite si ripete poco dopo su Hamsik, ma il Napoli trema quando l’arbitro annulla per un fuorigioco inesistente un gol regolare a Gilardino. I partenopei vanno a fiammate, senza però trovare lo spunto vincente; anzi, è De Sanctis a salvare i suoi allo scadere del tempo respingendo su Diamanti. All’intervallo, Bologna avanti 1-0.

NAPOLI AL TAPPETO IN TRE MINUTI – La ripresa cambia subito volto. Agliardi non blocca la sfera sulla conclusione di Insigne, permettendo a Gamberini di riportare il risultato in equilibrio. La partita si mantiene su ritmi piacevoli con l’offensiva dei padroni di casa che si deve oppore a un Bologna mai domo, pronto a sfiorare il nuovo vantaggio con Khrin. Al 59′ su una veloce ripartenza Pandev serve un pallone d’oro per Cavani, ma Agliardi risponde bene in uscita. Il Matador si rifà dieci minuti più tardi inzuccando in rete sul pregevole cross di Insigne. La gara sembra tutta a favore dei locali; il Napoli, però, non riesce a chiudere la gara e il Bologna lo punisce: Kone si inventa un gran gol con un’acrobazia micidiale sul cross di Garics, lasciando di stucco l’intero pubblico del San Paolo che già pregustava la vittoria. Tre minuti più tardi arriva l’incredibile colpo del Ko firmato da Portanova sulla punizione di Diamanti.

NAPOLI – BOLOGNA 2-3 (0-1)
Napoli (3-4-1-2): De Sanctis; Gamberini (68′ Campagnaro), Cannavaro, Britos (46’Pandev); Maggio, Behrami, Inler, Zuniga; Hamsik; Insigne (71′ Dzemaili), Cavani. A disp.: Rosati, Aronica, Grava, Fernandez, Mesto, Donadel, Dossena, El Kaddouri, Vargas.  All.: Mazzarri.
Bologna (4-2-3-1): Agliardi; Motta (63′ Garics), Portanova, Antonsson, Cherubin; Krhin (77′ Kone), Guarente (40′ Morleo); Diamanti, Taider, Gabbiadini; Gilardino. A disp.: Stojanovic, De Carvalho, Riverola, Radakovic, Pasquato, Paponi.  All.: Pioli.
Arbitro: Valeri di Roma
Marcatori: 10′ Gabbiadini (B), 50′ Gamberini (N), 69′ Cavani (N), 85′ Kone (B), 88′ Portanova (B)
Note: ammoniti: Behrami, Inler (N), Cherubin, Morleo, Garics (B).

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.