Basket, Eurolega: Cantù si gioca tutto col Fenerbahçe

La serata della verità, di quelle che è meglio non sbagliare. Non mancano gli ostacoli nel percorso che potrebbe portare Cantù alla Top 16 di Eurolega, nel non proprio agevole Gruppo A, comandato dalle già qualificate Panathinaikos, Real MadridKhimki. Passano le prime quattro e il club lombardo ha la chance di mantenere folto il contingente italiano a livello continentale, dopo l’eliminazione di Sassari ieri dall’Eurocup.

Questo pomeriggio (ore 18, diretta SportItalia 2) i ragazzi di coach Trinchieri, giocheranno nella caldissima Ülker Sports Arena, in casa del Fenerbahçe di Simone Pianigiani, il ct della nazionale italiana. Tanti gli incroci allora fra i due quintetti, a partire dalla rivalità dei canturini con Siena, l’ex squadra proprio del tecnico toscano.

Nel girone d’andata, Cantù riuscì a battere agevolmente il forte avversario, grazie soprattutto ai 16 punti di Tabu, davanti ai 4.000 del PalaDesio. Lo scorso 8 Novembre, Aradori e soci fecero bene già nel primo quarto, registrando un promettente 23-12 di parziale. Importante, stasera, restare concentrati per 40′: sarà un po’ una finale, da dentro o fuori.

Una curiosità? L’imperiosa Ülker Arena, costata 110 milioni di dollari e inaugurata nello scorso Gennaio, vide l’Olimpia Milano tenere a battesimo la prima palla a due della nuova casa dei turchi. Proprio l’Olimpia eterna rivale di Cantù, piccolo scherzo del destino per chi vuole che quella di stasera sia, per il Fenerbahçe, sia l’ultima gara dell’Eurolega 2012-2013. Appuntamento, a Istanbul o davanti agli schermi televisivi, per le 18 di oggi, agli ordini dei signori Juan Carlos Arteaga (Spagna), Matej Boltauzer (Slovenia) e Miguel Perez Perez (Spagna).

Siamo ancora in corsa e vogliamo giocarci le nostre chance di raggiungere le Top 16 anche contro una delle formazioni più forti dell’Eurolega come il Fenerbahce. La squadra di Istanbul infatti è stata costruita con l’obiettivo di raggiungere le Final 4. Sicuramente sono favoriti, però avranno anche molta più pressione e noi dobbiamo cercare di approfittare di questo loro stato d’animo. Il Fenerbahce ha giocatori davvero esperti e questo può essere decisivo in una gara dentro o fuori, ma, come abbiamo dimostrato anche settimana scorsa contro il Real, possiamo competere anche contro le migliori squadre d’Europa (Pietro Aradori, Pallacanestrocantu.com)

Condividi
Sardo classe 1987, ama il rugby, il calcio e i supplementari punto a punto. Già redattore di Isolabasket.it e della rivista cagliaritana Vulcano, si è laureato in Lettere con una tesi su Woody Allen. Email: mportoghese@mondosportivo.it