A Genova non c’era solo un tifoso dell’Udinese, ma…

Oltre al singolo tifoso friulano salito agli onori della cronaca per essere stato l’unico presenta all’interno del settore ospiti di Marassi per la sfida contro la Sampdoria di lunedì pomeriggio, a Genova, ma fuori dai cancelli, c’erano altri tifosi friulani facenti parte del Collettivo IncUdine. Questi ragazzi, che sono sempre presenti al seguito della squadra friulana, sono rimasti però fuori dallo stadio visto che impossibilitati ad acquistare i biglietti in quanto non tesserati. Lo rivela il sito dallapartedeltorto.tk spiegando che: “Non è di certo la prima volta che questo gruppo ultras dell’Udinese decide di seguire la propria compagine in trasferta nonostante siano impossibilitati ad acquistare i tagliandi validi per l’ingresso nello stadio non avendo sottoscritto la tessera del tifoso. Anzi, a dire la verità il loro drappo, nonostante i divieti di trasferta e la battaglia contro la fidelity card, è stato praticamente presente in tutte le trasferte dei friulani, per lo meno al di fuori dell’impianto sportivo dove la loro squadra era impegnata”.

Per un fidelizzato che entra – e quasi diventa il simbolo del calcio moderno fatto di partite ad ogni ora e giorno della settimane, stadi sempre più svuotati per arricchire le pay tv e repressione sempre più dura nei confronti del movimento ultras e sopratutto di chi non vuole scendere a compromessi e vuol sentirsi libero di portare avanti la propria mentalità – c’è un gruppo di tifosi che sfida freddo, orari impossibili e divieti per portare avanti la sua passione per la squadra del cuore.

Condividi
Nato a La Spezia nel 1981, ha girovagato per l’Italia da sud a nord. Laureato in Scienze della Comunicazione a Bologna, è stato fra i primi collaboratori di MondoPallone.net. Attualmente vive a Padova, collaborando con diversi siti di informazione calcistica.