Latina – Gubbio Prima Divisione di Lega Pro

Il Latina Calcio piange la scomparsa dell’amato “presidentissimo” Michele Condò, stroncato da un male incurabile ieri mattina in una clinica romana. Prima di cominciare il capitano nero-azzurro Andrea Milani depone un mazzo di fiori sotto la Curva Nord e nello stesso momento il vice-presidente Maietta fa lo stesso nel posto riservato al caro Condò.

LE FORMAZIONI Pecchia, che l’anno scorso allenava proprio il Gubbio in Serie B, fa scendere in campo i suoi con la stessa formazione di Avellino, con la sola eccezione in difesa dove torna Andrea Milani; mentre invece Andrea Sottil schiera il suo Gubbio con un 4-3-3 con Palermo supportato lì davanti da Bazzoffia e Caccavalo.

PRIMO TEMPO Bisogna aspettare undici minuti per vedere il primo tiro in porta e lo fa il Gubbio con una punizione dalla lunga distanza di Radi: il tiro e teso e potente, forse anche deviato da un difensore del Latina, ma Bindi para senza problemi. Ma è il Latina ad andare in vantaggio al 24′ con Burrai che ipnotizza il portiere del Gubbio Venturi con una punizione dal limite dell’area. Il Latina allora si scatena e sfiora prima il raddoppio con Tulli al 25′ che becca la traversa dopo un rimpallo del portiere e poi raddoppia al 27′ con l’autorete di Alessandro Sandreani su cross di Gerbo, che nel tentativo di anticipare Agodirin e Gerbo infila il pallone nella propria rete. Il Latina continua ad attaccare e a fare la partita al 37′ con Bruscagin che prova la conclusione di piatto sinistro dai trenta metri che sfila di poco sul primo palo. Il signor Ripa della sezione arbitrale di Nocera Inferiore concede centoventi secondi recupero e si va al riposo sul 2-0 per i padroni di casa.

SECONDO TEMPO Il Gubbio cerca di ritrovare un pò più di verve e allora Sottil rileva gli spenti Ragno e Boisfer e butta nella mischia Semeraro e Scardina. Il Latina però è abile nel chiudersi e nel ripartire. Al 20′ per esempio ci prova Gerbo a ingannare Venturi con un lancio dai trenta metri, ma la palla finisce sull’esterno alto della rete. Il Gubbio prova ad accorciare le distanze con la combinazione tra Nappello e Caccavallo, il quale prova a segnare da posizione impossibile, molto defilata, ma Bindi è pronto per la respinta con il corpo. Poi al 24′ al Latina viene annullato un goal regolare: Tulli colpisce di piatto destro su cross dalla sinistra sul secondo palo e mette dentro ma il primo assistente Salvatore Stasi di Barletta segnala all’arbitro Ripa un fuorigioco inesistente.  Ma al Latina di Pecchia basta il 2-0 per tornare ai vertici della classifica in condominio stavolta con il Pisa, bloccato in casa dal pareggio con il Prato.

TOP LATINA Gerbo, Burrai, Sacilotto FLOP Agodirin

TOP GUBBIO Caccavallo, Nappello, Radi FLOP Sandreani

LEGA PRO PRIMA DIVISIONE

LATINA – GUBBIO 2-0

MARCATORI Burrai (L) 24′ pt, autorete Sandreani (G) 27′ pt,

LATINA Bindi, Milani, Bruscagin, Cejas, Cottafava, De Giosa, Gerbo (Cafiero dal 81′), Burrai (Ricciardi dal 84′), Tulli (Pagliaroli dal 72′), Sacilotto, Agodirin PANCHINA Ioime, Cafiero, Giacomini, Agius, Ricciardi, TortolanoALLENATORE Pecchia

GUBBIO Venturi, Regno (Semeraro dal 46′), Bartolucci, Boisfer (Scardina dal 46′), Briganti, Radi, Guerri, Sandreani, Bazzoffia, Palermo, Caccavallo PANCHINA Farabbi, Galimberti, Grea, Manzoni, Nappello ALLENATORE Sottil

ARBITRO Ripa di Nocera Inferiore,

ASSISTENTI Stasi di Barletta e Orsini di Catanzaro

NOTE Ammoniti Boisfer (G), Milani (L), Bartolucci (G), Caccavallo (G), Angoli 4-1 Rec. 2′ pt; Spettatori 1893 spettatori per un incasso di 11305 Euro.

Condividi
Nato ad Atripalda (AV), il 6 dicembre 1988. Pubblicista dal 2011; laurea magistrale in Informazione e Sistemi Editoriali; collabora con “Il Corriere Laziale” e con altre testate anche non sportive, radio e web-radio.