Juventus: vittoria di misura a Palermo

Antonio Conte ritorna in panchina e festeggia la fine della squalifica portandosi a casa i 3 punti. La formazione bianconera supera il Palermo grazie a  una rete di Lichtsteiner a inizio ripresa. Il Palermo gioca una partita ordinata mettendo in difficolta i campioni d’Italia fino alla rete dello svantaggio, gli sporadici attacchi rosanero vengono contenuti bene dalla stoica retroguardia piemontese. Nel finale l’espulsione di Morganella limita la disperata ricerca del pareggio.

Reti inviolate nel primo tempo: Gasperini schiera la migliore formazione possibile: Donati, ormai stabilmente schierato al centro della difesa, affianca Munoz e Von Bergen; a centrocampo torna titolare Kurtic; in avanti Ilicic e Miccoli.
Conte deve fare i conti con numerose infortuni e quindi rinunciare a un adeguato turnover: in campo sia Bonucci che Chiellini anche se non al meglio della condizione; medesimo centrocampo schierato mercoledì a Donetsk con l’ eccezione di Marchisio che riprende il suo posto da titolare a scapito di Pogba; in attacco torna dal primo minuto  Matri a fianco di Vucinc.
Spinge subito forte la Juventus andando vicina al gol con un colpo di testa di Bonucci uscito di poco sugli sviluppi di un calcio d’angolo.La formazione bianconera si dimostra fin dalle prime fasi tonica e aggressiva nonostante le fatiche europee, il Palermo non è da meno contenendo bene gli attacchi degli ospiti e mettendo in difficolta la retroguardia juventina prima con un tiro da fuori area di Kurtic respinto da Buffon al 11′; poi con una rete annullata a Miccoli per fuorigioco al 16′.
I rosanero con il passare dei minuti prendono in mano il pallino del gioco,  la Juventus assume  un atteggiamento più attendista riproponendosi in avanti solo con rapidi capovolgimenti di fronte: attento Ujkani ad anticipare prima Vucinic e poi Matri lanciati a rete.
Al 26′ Lichtsteine e Ilicic sono protagonisti di un violento scontro: l’arbitro ferma il gioco per far medicare lo sloveno che perde sangue dal naso; fortunatamente entrambi riescono a proseguire l’incontro.
Al 35′ l’occasione più grande per il vantaggio della Juventus: Matri stoppa un pallone in area per la conclusione di Marchisio parata da Ujkani, sulla respinta Vucinic non è abbastanza reattivo centrando il palo da pochi passi.I piemontesi crescono nel finale di primo tempo andando ancora una volta vicini al gol: dopo un ottima azione personale di Vidal il tiro di Matri viene parato da Ujkani .
Un buon Palermo ferma  i campioni d’Italia sullo 0-0 al termine della prima frazione, risultato giusto viste le poche azioni da gol da entrambe le parti.

Juventus cinica: Pochi istanti dopo il fischio d’inizio Vucinic coglie il suo  secondo palo della partita con un gran sinistro in diagonale; la difesa del Palermo è in difficolta e pochi minuti dopo arriva il vantaggio per la juventus: al 50′ sempre  il montenegrino serve Lichtsteiner con un delizioso assist di tacco che spiazza l’intera retroguarda siciliana, lo svizzero insacca il pallone senza problemi.
Il Palermo fatica a reagire alla rete di svantaggio, i padroni di casa non riescono a impegnare Buffon mentre la Juventus amministra con tranquillita la rete di vantaggio .
La forte pioggi ha reso il terreno di gioco pesante, le pozzanghere frenano il pallone e causano numerosi errori in fase di impostazione per entrambe le squadre; lo spettacolo ne risente.
Gasperini manda il campo Dybala per Donati ridisegnando la sua squadra con un assetto più offensivo; proprio il giovane argentino tenta subito una conclusione da lontanissimo che si spegne sul fondo lontana dalla porta biancnera.
Al 75′ Morganella si fa saltare da Asamoah e lo stende, De Marco estrae senza esitazioni  il secondo giallo che lascia il Palermo in inferiorità numerica.
Nonostante l’uomo in meno il Palermo non esita a spingersi in avanti, la retroguardia bianconera ha la meglio degli attaccanti palermitani che non riescono mai  a concludere pericolosamente a rete.
La Juventus va vicina al raddoppio con due pericolosi contropiedi: al minuto 86′ Vucinic serve un buon pallone per Bonucci che si fa anticipare da Ujkani, il difensore si lascia cadere prendendosi un cartellino giallo per simulazione; un minuto dopo Vucinic lanciato a rete calcia addosso al portiere.
Le ultime occasioni per il pareggio dei padroni di casa arrivano con un paio di calci d’angolo nei quali i difensori bianconeri spazzano senza problemi; la Juventus porta a casa i 3 punti.

 

 

Palermo-Juventus

Palermo (3-5-2): Ujkani; Munoz, Donati (78′ Dybala), Von Bergen;  Pisano (46′ Brienza), Morganella, Barreto, Kurtic (74′ Viola), Garcia; Ilicic, Miccoli. A disp: Benussi, Brichetto, Cetto, Milanovic, Rios, Giorgi, Bertolo, Zahavi, Budan. All: Gasperini.

Juventus (3-5-2): Buffon; Bargagli, Bonucci, Chiellini; Lichsteiner(63′ Padoin), Vidal (50′ Pogba), Pirlo, Marchisio, Asamoah; Matri (72′ Bendtner), Vucinic. A disp.: Storari, Rubinho, De Ceglie, Giaccherini, Quagliarella. All.: Conte.

Arbitro: De Marco

Marcatori: 50′ Lichtsteiner (J)

Ammoniti: Lichtsteiner (J), Morganella (P), Pirlo (J), Bonucci (J). Espulsi: Morganella (P)

Condividi
Ventiduenne bresciano fedele alla Juventus fin dalla nascita, le sue passioni sono lo sport e la musica rock. MondoPallone è la sua prima esperienza nel mondo del giornalismo sportivo.