Serie A2 Femminile: l’Olimpia Vignola crolla nel finale contro il Premac Vittorio Veneto

 

A Vignola tanta l’amarezza di Mister Sola alla fine di una partita difficile, giocata con un buon piglio e un ottimo ritmo di gara da parte del Vignola. Il passivo pesante e non del tutto motivato può essere spiegato dal doppio infortunio di Grenzi e di Balestri e dall’espulsione al 75′ di Alemanno. Il Premac Vittorio Veneto sbaglia anche un rigore al 64′ con De Martin che si fa parare il tiro da Bassi.

Al 2′ il Vittorio Veneto affonda con Cisotto che impensierisce Bassi con un tiro da fuori che si spegne sul fondo: dopo 2 minuti Cisotto ci riprova, questa volta dentro l’area, ma il suo tiro non sorprende Bassi.
Dopo il veemente inizio veneto l’Olimpia Vignola comincia a giocare e confeziona la sua prima palla goal: una scatenata Lenzini lanciata in profondità semina terrore nella difesa del Premac e si presenta al limite tirando con buona forza in porta: il portiere ospite Reginato si supera con un’ottima deviazione a terra e sul rimpallo Zanardi a porta semi vuota si divora il vantaggio.
Il primo tempo si chiude con Furlan che al 33′ conclude un bel triangolo trovandosi sola in area di rigore ma colpendo con un tiro al volo la traversa e Zanardi che al 39′ pareggiare il conto dei legni direttamente su calcio d’angolo e colpendo l’incrocio dei pali.

Dopo pochi minuti dal fischio d’inizio della ripresa Sola è costretto a fare due cambi per infortunio: fuori Grenzi e Balestri, dentro Alemanno e Hmidi al 60′. La stessa Hmidi al 64′ entra in maniera scomposta su Ranzolin ed il Sig. Bertozzi di Cesena convalida il penalty per la squadra veneta che De Martin si incarica di trasformare: il pallone è angolato a destra ma la Bassi si supera e in tuffo devia in calcio d’angolo.
Al 72′ l’OV si costruiva un’occasione su punizione dal limite, ma il tiro di Soragni veniva respinto da Reginato sopra la traversa. Due minuti dopo, al 74′, era invece il Premac a trovare il vantaggio: un cross di De Martin trovava libera Simeoni che con un tiro trafiggeva l’incolpevole Bassi.
La partita si innervosiva per qualche decisione arbitrale discutibile e a pagarne le spese è la Alemanno che al 75′ viene espulsa (per un rosso francamente evitabile) lasciando la sua squadra in dieci: con l’uomo in più il Vittorio Veneto chiude la partita grazie alla sua forte punta Cisotto che lanciata in velocità mette con un pregevole pallonetto la firma dello 0-2.
La reazione di Lenzini e compagne porta qualche pensiero nuovamente a Reginato, ma il Premac chiude i conti con Ranzolin al 90′ che da 25 metri insacca sotto la traversa il pallone del definitivo 0 a 3.

OLIMPIA VUGNOLA – PREMAC VITTORIO VENETO 0-3 (0-0)

A.S.D. OLIMPIA VIGNOLA C.F.: Bassi, Viva, Ngobi, Soragni, Bitti, Grenzi (70′ Hmidi), Zanardi (78′. Li Calzi), D’Amato, Sernesi, Lenzini, Balestri (65′ Alemanno). A disp.: Fattore, Campo, Denti, Boni All. Sola
PREMAC VITTORIO VENETO: Reginato, Pini, Da Ros, Furlan, Cettolin, Da Re, Simeoni, Pasqualato, Cisotto (75′ Bottoli), Ranzolin, De Martin. A disp.: Maniezzo, Sommariva, Buriola, De Nardi, Pancot. All. De Bortoli
ARBITRO :Sig. Bertozzi di Cesena
RETI: 74′ Simeoni (PR), 85′ Cisotto (PR), 90′ Ranzolin (PR)
NOTE: Al 64′ De Martin (PR) sbaglia un rigore, al 75′ espulsa Alemanno (OV)

Condividi
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile. Email: spellone@mondosportivo.it