Stramaccioni: “Sneijder è convocabile”

Dopo l’esaltante vittoria allo Juventus Stadium, l’Inter ha perso improvvisamente la fame di vittorie che l’aveva portata a un passo dalla vetta della classifica. Due sconfitte e un pareggio nelle ultime tre gare, che hanno fatto scivolare i nerazzurri di una posizione in classifica, impedendo di sfruttare il momento poco brillante dei rivali bianconeri.

Un periodo da sbloccare con una risposta sul campo già dal match di domani con il Palermo. Questo è il pensiero di Andrea Stramaccioni, intervenuto questa mattina nella tradizionale conferenza stampa alla vigilia dell’impegno di campionato. Il tecnico nerazzurro si è mostrato fiducioso e contro i rosanero si aspetta una grande prestazione dei suoi ragazzi: “Il dato oggettivo è che non abbiamo vinto le ultime tre. Abbiamo lasciato punti per strada contro squadre minori, mentre siamo riusciti a battere Juventus e Fiorentina. Domani capiremo se è stato solo un periodo. Se non faremo risultato ci sarà una regressione tecnica, anche se sono sicuro che torneremo a vincere con una buona risposta sul campo. Contro il Palermo sarà importante approcciare bene alla partita e ricominciare a fare quello che abbiamo fatto fino a venti giorni fa. Domani conterà l’Inter. Milito ha saltato l’allenamento di ieri per un problema al quadricipite, lui ha grande esperienza e abbiamo preferito gestirlo. Mi assicura che sta bene e non ci sono problemi.”

In casa nerazzurra è stata, però, una settimana decisamente particolare, vissuta da una parte senza impegni infrasettimanali e con la possibilità di lavorare sul campo; dall’altra, invece, il caso Sneijder che ha infiammato lo spogliatoio. Una vicenda accaduta proprio a pochi giorni dal match con il Palermo di Gasperini, il tecnico di quella Inter che finì al centro di qualche polemica legata al calciatore olandese e alla sua eventuale cessione. Stramaccioni ha dichiarato che il calciatore è convocabile e che il suo rapporto con lui resta ottimo, nonostante le ultime vicende societarie: “Abbiamo lavorato senza turno infrasettimanale e nazionali. Il lavoro sul campo è importante e qui all’Inter non c’è mai stato. Sneijder si è allenato come tutti gli altri, per me può essere convocato. Con Wes c’è un ottimo rapporto. Per quanto riguarda me, io non ho niente da aggiungere, tra noi è tutto chiaro”

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal. Email: emodugno@mondosportivo.it