Mazzarri: “Contento che i giocatori siano felici di me”

Nella conferenza stampa che precede l’incontro con il Pescara, Walter Mazzarri mostra gioia ed entusiasmo per l’appoggio ricevuto dai giocatori nei periodi di difficoltà della squadra. Non manca occasione, però, per non riportare tutti alla concentrazione in vista di un match delicato: “Abbiamo molto rispetto dell’avversario, loro sono una buona squadra e verrà qui a cercare di fare risultato. Spero che i tifosi aiutino i giocatori per novantacinque minuti e non per parte di gara e poi alla fine valuteranno l’operato complessivo. Sono contento che i miei giocatori siano felici di me, non solo adesso ma da dodici anni a questa parte, i giocatori mi conoscono davvero e non cambiano opinione in base a un risultato, questa è la cosa più importante. Noi cercheremo di fare quest’anno il massimo e spero di fare quello che abbiamo fatto anche in passato, però senza scordarci del nostro percorso. Questa rosa può vincere anche se non è al top, viste le potenzialità. Insigne? Sta facendo benissimo, sono contento”.

Mazzarri pensa soltanto ai tre punti, pur avendo qualche problema di formazione legato agli infortuni:  Abbiamo perso due match su quattordici ma non siamo mai stati inferiori nettamente a qualcuno, in certi casi un episodio ci ha condannato, ma la Juve rimane la più forte e a Torino non meritavamo di perdere. Dobbiamo stare attenti e non distrarsi, cosa che potrebbe accadere domani. Maggio? Ha un problemino muscolare, non ha fatto l’ultimo allenamento e nemmeno gli schemi ieri, ma ha una fisicità particolare, vedremo stasera e domani cosa sarà meglio fare. In questo momento a centrocampo giochiamo con due mediani e inler, Behrami e Dzemaili li considero co-titolari, se uno manca ce ne sarà un altro, perché Donadel non lo vedo al top. Domani mi interessa solamente avere tre punti a fine gara. La fase difensiva la vedo migliorata, sia nel supporto degli attaccanti sia nei singoli difensori”.

Condividi
Nato a Gaeta nel 1988. Appassionato di (grande) calcio, ma anche di molti altri sport. Dopo aver calpestato svariati campi di terra ed erba, ha deciso di tentare la sua prima avventura in una redazione.