Nessun gol nel B-Day di Crotone, ma allo Scida è festa

Una giornata di quelle che riconciliano l’uomo al calcio e, più in generale, allo sport. All’Ezio Scida di Crotone, il B-Day tra Italia e Russia è motivo di gioia per gli oltre cinquemila studenti che hanno affollato le tribune dello stadio. Clima festoso sugli spalti e scampoli di buon calcio, nonostante tutte le attenuanti del caso, in campo.

LA PARTITA – La selezione italiana, guidata da Massimo Piscedda, si schiera con il 4-3-3. Riflettori puntati su Bellomo e Zaza, che con il padrone di casa Pettinari compongono il reparto offensivo. Il capitano è Maiello, altro elemento fondamentale dell’undici di Drago. Gli azzurrini, nella prima frazione di gioco, si segnalano per alcuni buoni fraseggi e tra tutti spicca in particolare De Vitis. Il padovano, però, è sfortunato: al 29′ un colpo fortuito, che gli costa quattro punti al sopracciglio destro, lo costringe ad uscire. Nella Russia di Igor Shalimov si fa notare Nikita Bezlikhotnov, ala destra del Torpedo e migliore in campo per distacco. Alla fine hanno la meglio le difese (nell’Italia bene Rosania del Lanciano), ma la consueta girandola di sostituzioni nella ripresa e il campionato che incombe frenano l’intensità del match.

Il tabellino di Italia-Russia

Italia (4-3-3): Iacobucci 6 (34 st Bastianoni s.v.); Ghiringhelli 6 (1 st Bacchetti 6,5), Brosco 6, Benedetti 6 (1 st Rosania 6,5), Cancellotti 6; Maiello 6 (18 st Fedato 6), Paghera 6 (8 st Fossati 5,5), De Vitis 6,5 (29 pt Busellato 6,5); Pettinari 6 (11 st Giannetti 5,5), Zaza 5,5, Bellomo 6,5. Allenatore: Piscedda.

Russia (4-2-3-1): Kobozev 6,5; Terentiev 6, Nikitin 6,5, Mischenko 6, Nikitinskiy 5,5; Gazinskii 5,5 (26 st Plopa s.v.), Fomin 6 (43 st Glushkov s.v.); Bezlikhotnov 7 (49 st Margasov s.v.), Malyarov 6 (20 st Matrakhov 5,5), Chochiev 6,5 (20 st Kabutov 6); Galysh 5,5 (1 st Bolov 6). A disposizione: Nesterenko. Allenatore: Shalimov.

Arbitro: Cervellera di Livorno.

Note: Ammoniti: Zaza (I); Gazinskii, Kabutov (R). Spettatori: 9.000 circa. A fine gara, Massimo Piscedda si è dichiarato “entusiasta dell’accoglienza ricevuta dalla città di Crotone e fiducioso nella prossima convocazione in Under 21 per molti dei suoi elementi”.

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.