Russia: spettacolo a Mosca, vince la Lokomotiv

La Lokomotiv rivede la luce. Dopo un periodo oscuro sette punti in tre gare permettono ai ferrovieri di tornare a respirare, anche se la vittoria di oggi col Krasnodar è stata tutt’altro che facile. Nonostante l’assenza del trascinatore della squadra, l’armeno Movsysyan, e le note difficoltà lontano da casa (soltanto due punti su 22 totalizzati), la squadra guidata da Muslin ha reso molto difficile il compito alla Loko. In sintesi, bene il risultato, ma c’è ancora da lavorare per Bilic.

I padroni di casa partono fortissimo, e basta poco perchè passino in vantaggio: nel gol di N’Doye, però, c’è anche tanta complicità del portiere Sipitsin, che esce a casaccio fuori dall’area di rigore e lascia la porta sguarnita. L’attaccante africano, già a segno col Krylya, non si lascia pregare e mette in rete il gol del vantaggio. Quelli del Krasnodar però non si deprimono, e trovano il pari dopo pochi minuti: difesa della Loko che rimane ferma sul cross di Vanderson, e Shinitsyn può incornare facilmente il gol dell’1-1. La partita si mantiene su ritmi alti e scoppietanti, e al termine del primo quarto di gara arriva il nuovo vantaggio per i padroni di casa, un tap in facilissimo per il solito N’Doye, abile a trovarsi al posto giusto nel momento giusto.

La ripresa inizia nel segno dei neroverdi, e il gol del pari arriva subito. Il cross di Joazinho è pericoloso, la difesa ancora ferma, e Vanderson infila Guilherme. Soliti problemi difensivi per la Lokomotiv, una costante che si ripete come la mancanza di un portiere adeguato. Guilherme dopo il grave infortunio ha combinato solo danni. Bilic però non fa nemmeno in tempo a disperarsi che la sua squadra torna in vantaggio, e stavolta non si farà più riprendere: a segnare è Obinna, con una punizione ben calciata ma sulla quale sembrano evidenti le colpe di Sipitsin.

Bilic: “Abbiamo meritato di vincere”

Muslin: “Sono contento dei miei ragazzi, hanno lottato fino alla fine”

Continua invece il periodo nerissimo dell’Alaniya, che non vince dal 20 agosto, e che crolla sempre più vertiginosamente in classifica. A Grozny il Terek si impone di misura, grazie alla rete di Lebedenko dopo un’ora di gioco. Il nazionale russo è il più lesto di tutti a sfruttare una palla vagante in area, e regala tre punti importanti per i ceceni. Da segnalare anche un giallo a Hozin, decisamente graziato per la sua entrata killer su Kudryashov. Per decisamente molto meno ieri Kontsedalov è stato espulso.

LOKOMOTIV MOSCA-KRASNODAR 3-2 3′ 20′ N’Doye, 9′ Shipitsyn (K), 49′ Vanderson (K), 52′ Obinna

TEREK GROZNY-ALANIYA VLADIKAVKAZ 1-0 62′ Lebedenko

 

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it