Ventura: “Giochiamo partita per partita. Non pensiamo al derby”

Il Torino è pronto ad affrontare una serie di partite molto impegnative. Dopo la sconfitta patita all’Olimpico per mano della Roma, i granata domani sfideranno la Fiorentina, autentica sorpresa del campionato, e poi sette giorni dopo ci sarà ad attenderli l’atteso derby della Mole con la capolista Juventus. Un trittico da concludere poi con la sfida contro il Milan il 9 dicembre.

Il tecnico Ventura per il match con i viola dovrà fare a meno di Vives e di Di Cesare, influenzato, mentre resta incertezza in attacco sull’impiego da titolare di Meggiorini. Nella lista dei convocati Ventura ha inserito anche il giovanissimo serbo Stevanovic: “Il ragazzo è in buone condizioni, si merita questa convocazione. La squadra spera di contare su di lui

L’allenatore dei granata conosce bene la forza degli avversari e sa che la squadra dovrà attraversare un periodo molto duro dal punto di vista degli impegni in calendario, ma Ventura è fiducioso e ha chiesto ai suoi ragazzi di non farsi distrarre da pensieri sul derby: “La Fiorentina è una piacevole sorpresa. Affronteremo una squadra in cerca della vittoria e il nostro compito sarà quello di ostacolare il loro gioco e il continuo possesso palla e stare attenti sui calci piazzati dove hanno degli autentici specialisti. Pizarro è un buon giocatore, ma la Fiorentina non è solo lui. Sicuramente la sua personalità era importante, ma non credo che risentiranno della sua mancanza: chi giocherà sarà all’altezza del compito. Sono sicuro che con una buona prestazione di squadra potremmo metterli in difficoltà. Dobbiamo giocare partita per partita senza fare calcoli e domani non bisogna pensare al derby, altrimenti è meglio non scendere in campo. Per questo motivo farò giocare anche i diffidati”

Questi i 22 calciatori convocati da Ventura: Agostini, Basha, Bianchi, Birsa, Brighi, Cerci, D’Ambrosio, Darmian, Diop, Gazzi, Gillet, Glik, Gomis L., Masiello, Meggiorini, Ogbonna, Rodriguez, Sansone, Santana, Sgrigna, Stevanovic, Verdi.

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal.