Ufficiale, Dinamo-Zenit 3-0 a tavolino

La KDK si è riunita e ha emesso il suo responso in merito alla sfida di sabato tra Dinamo Mosca e Zenit San Pietroburgo, sospesa al 37′ a causa del lancio di alcuni petardi dal settore dello Zenit che hanno colpito il portiere locale Anton Shunin. La discutibile (in tanti in Russia hanno detto che il regolamento è sbagliato) decisione ha consegnato i tre punti alla Dinamo, e costringe lo Zenit a giocare i prossimi due match casalinghi (con CSKA e Anzhi!) a porte chiuse. Un’altra batosta che si aggiunge all’uscita prematura dalla Champions League, prima del ciclo di ferro in campionato dove i “Meshki” affronteranno CSKA, Spartak, Anzhi, Rubin e Terek.

Il dg Maksim Mitrofanov ha già comunicato che lo Zenit farà ricorso, per cancellare questa sentenza a sua detta sbagliata. Non è l’unico a pensarla così, anche in casa Spartak, il che è tutto dire, danno ragione al club di Piter. Il secondo portiere Egor Baburin ha trasmesso invece il suo disappunto attraverso la sua pagina di vkontakte, esprimendo il proprio sdegno verso quei tifosi che hanno danneggiato la loro squadra.

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it