Lega Pro Prima Divisione Latina – Benevento

Il Latina di Fabio Pecchia torna nella tana del  “Domenico Francioni” dopo la sonora sconfitta di Prato, autentica bestia nera dei nero-azzurri, per 4-0. Nonostante la sconfitta, i pontini hanno conservato il primato in classifica condiviso assieme al Frosinone e al Pisa (19 punti).  Il Benevento invece, dato per favoritissimo all’inizio del torneo viene da una crisi di risultati utili che lo hanno relegato con 13 punti all’undicesimo posto, giusto una spanna sopra la zona play-out. 

LE FORMAZIONI Formazione al top per il Latina; in panchina si rivede il difensore Cafiero tornato da un lungo infortunio al ginocchio. Il Benevento invece, nonostante la brutta classifica, è in ottime condizioni atletiche, grazie soprattutto al ritiro di una settimana imposto da mister Ugolotti che oggi schiera in attacco il sardo Marco Mancosu, fratello di Matteo ex del Latina.

 PRIMO TEMPO Primi minuti di reciproco studio: ci prova Cottafava per il Latina con un tiro da centrocampo dei suoi al 7′ ma la palla va di poco sopra la traversa della porta difesa da Bindi, mentre le “streghe” rispondono con alcune incursioni sulla fascia destra manovrate da D’Anna e Pedrelli che si sovrappongono: il primo come fluidificante, il secondo metronomo arretrato. Al 13′ il Benevento ha una buona occasione di andare in vantaggio su calcio di punizione dal limite di Mancosu: il tiro oltrepassa la barriera, Bindi respinge e sulla ribattuta c’è Cipriani che sbaglia clamorosamente.  Subito dopo l’arbitro  Cifelli della sezione di Campobasso fischia un rigore molto dubbio in favore dei sanniti per un presunto tocco di mano in area di Burrai che viene anche ammonito per proteste. Sul dischetto si presenta lo stesso Mancosu che trasforma il penalty  mandando il pallone a mezz’aria sulla propria destra e Bindi non ci arriva. La partita è molto cattiva e nervosa: già dopo mezz’ora ci sono cinque ammoniti sul taccuino del direttore di gara.  Proprio alla mezz’ora Davì è lanciato verso Bindi per il raddoppio del Benevento: il portiere del Latina esce fuori dai pali e Davì cade e viene ammonito per simulazione. Pecchia cerca allora di rimescolare le carte e rileva Tortolano al 38′ per far spazio a Tulli. A cinque minuti dalla fine ci prova Burrai a pareggiare i conti per i padroni di casa con un punizione dai trenta metri, ma preda facile per il portiere Gori. Un minuto dopo il Benevento sfiora il raddoppio con Cipriani che prende fortunosamente il palo ma poi Bindi e la difesa nero-azzurra riescono a liberare l’area. Nei tre minuti di recupero del primo tempo De Giosa va vicino al pareggio pontino con un colpo al volo di esterno sinistro di poco fuori, su calcio d’angolo battuto da Burrai.

SECONDO TEMPO Nella ripresa il primo tentativo di andare a rete è del Latina con Sacilotto dal limite dell’area, al 3′ su suggerimento di Tulli, ma la conclusione si rivela troppo potente. Poi è Tulli al 6′ a sbagliare clamorosamente davanti a Gori su passaggio filtrante di Barraco:  il giocatore aggancia il pallone sul filo del fuorigioco ma il suo diagonale è debolissimo. Di male in peggio per il Latina di Pecchia, che rimane in dieci per l’espulsione di Agius per simulazione in area beneventana all’ 8′.  Il Benevento si rivede con Cipriani sono al 18′ con un tiro incrociato che Bindi devia in calcio d’angolo. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Mengoni sfiora il raddoppio con un colpo di testa che finisce sul palo. Il raddoppio arriva un minuto dopo con Cipriani che trova con il suo tiro un corridoio utile per mettere dentro il pallone sul secondo palo. Il Latina reagisce con la punizione al 20′ di De Giosa che Gori devia in angolo con una poderosa parata. Al 21′ Cipriani prende il terzo palo della giornata: il suo colpo di testa su respinta di Cottafava avrebbe chiuso la partita con venti minuti d’anticipo. Il Latina tenta allora di accorciare le distanze con Agodirin che fallisce il colpo vincente da due metri su traversone di Barraco, ma nella conclusione c’è una deviazione da parte di un difensore ospite. A nove minuti dalla fine per il Benevento esce Pedrelli per Falzarano, il quale viene espulso dopo appena venti secondi per un intervento falloso su Burrai. Il Benevento però sfiora il terzo goal un’altra volta con De Risio che scarta Bindi al 41′ ma c’è capitan Milani a deviare in angolo di testa. Il Latina allora accorcia le distanze in pieno recupero con una bellissima semi-rovesciata di Tulli su calcio di Cejas. E non è finita, succede l’impossibile al 94′: Angelilli viene steso in area da Bolzan ed è calcio di rigore e sul dischetto va Cejas, ex di turno che segna e lo Stadio Comunale “Domenico Francioni” esplode dalla gioia; il Latina rimane primo in classifica assieme al Frosinone e per uno strano scherzo del destino anche i ciociari, che perdevano 2-0 con il Perugia, hanno agguantato il 2-2 con due goal al 90′. Il testa a testa continua!

TOP LATINA Tulli, Cejas, Angelilli FLOP Agodirin

TOP BENEVENTO Cipriani, Mancosu, Gori FLOP Falzarano

LATINA – BENEVENTO 2-2

MARCATORI rigore Mancosu (B) 14′, Cipriani (B) 64′, Tulli (L) 93′, rigore Cejas (L) 94′

LATINA Bindi, Milani, Agius, Cejas, Cottafava, De Giosa, Barraco, Burrai (58′ Angelilli), Agodirin (81′ Pagliaroli), Sacilotto, Tortolano (38′ Tulli) A disp. Ioime, Bruscagin, Cafiero, Gerbo All.: Pecchia

BENEVENTO Gori, D’Anna, Bolzan, Davì, Siniscalchi, Mengoni, Pedrelli (81′ Falzarano), Rajcic (64′ De Risio), Cipriani (75′ Germinale), Mancosu, Marchi A disp. Mancinelli, Rinaldi, Buonaiuto, Altnier All.: Ugolotti

ARBITRO Cifelli di Campobasso

ASSISTENTI Tozzi di Ostia Lido e Pignone di Empoli

NOTE Espulsi Agius (L) per doppia ammonizione e Falzarano (B) per gioco falloso. Ammoniti De Giosa (L), Burrai (L), Rajcic (B), Davì (B), Cejas (L), Milani (L), Pedrelli (B), Siniscalchi (B), Cipriani (B), Marchi (B), Angoli 7-4 Rec. 3′ pt, 4′ st Spettatori 2179 per un incasso di 13571 euro

Condividi
Nato ad Atripalda (AV), il 6 dicembre 1988. Pubblicista dal 2011; laurea magistrale in Informazione e Sistemi Editoriali; collabora con “Il Corriere Laziale” e con altre testate anche non sportive, radio e web-radio.