Serie B, 14/a giornata: la Reggina sbanca il “San Nicola” di Bari

Una Reggina cinica e pratica sbanca il “San Nicola” di Bari, battendo di misura i galletti padroni di casa e aggiudicandosi il posticipo della 14/a giornata di Serie B. Gara poco spettacolare quella andata in scena nell’impianto pugliese, giocata meglio dalla formazione di mister Torrente, che ha sprecato diverse buone occasioni con Caputo prima di essere punita dalla rete decisiva messa a segno da Comi al minuto 71. Tre punti d’oro per i calabresi, che salgono in classifica a quota 13, scavalcando proprio il Bari, che rimane fermo a 12 lunghezze al quartultimo posto.

CAPUTO SPRECA, E’ 0-0 – Formazioni speculari al “San Nicola”, schierate entrambe con un offensivo 4-3-3 vista la necessità sia del Bari che della Reggina di fare risultato. Prima fase dell’incontro giocata prevalentemente a centrocampo, tanto che le occasioni vere latitano da una parte e dall’altra; meglio i padroni di casa tuttavia, insidiosi in un paio di circostanze col bomber Caputo, mentre sul fronte reggino è Ceravolo a sfiorare la traversa con una punizione insidiosa. Grande dinamismo dei galletti, mentre la manovra degli amaranto stenta a decollare; al 34′ Bari vicinissimo al gol del vantaggio: scambio Galano-Caputo, l’attaccante si presenta a tu per tu con Baiocco, ma spara incredibilmente a lato. Biancorossi ancora vicini alla rete dell’1-0 con Galano, mentre la Reggina si fa viva solo nel finale di tempo con una bella conclusione di Sarno, Lamanna si allunga  e devia in calcio d’angolo. E’ l’ultimo spunto di una prima frazione con poche emozioni.

COMI MANDA KO IL BARI – Ripresa che si apre senza cambi e con il Bari che prova fin da subito a mettere in difficoltà la difesa calabrese: destro dal limite di Fedato, palla alta sulla traversa della porta difesa da Baiocco. Reggina davvero senza idee, finora mai seriamente pericolosa dalle parti di Lamanna, mentre gli uomini di Torrente cercano con più convinzione la via della rete: 60′ quando Romizi va al tiro, ma il portiere avversario è attento e respinge la minaccia; timida risposta amaranto affidata ad un colpo di testa di Ely sugli sviluppi di un calcio d’angolo, palla che termina fuori. Il Bari si rigetta all’attacco, ma al 71′ dal nulla si materializza il vantaggio ospite: passaggio filtrante di Sarno, tiro di Ceravolo e risposta di Lamanna, palla sui piedi di Comi che realizza a porta libera. Pugliesi storditi dalla rete calabrese e avanti più con azioni confuse che ragionate: Grandolfo salva al 90′ su Fedato solo in area. Triplice fischio, la Reggina espugna il “San Nicola”.

BARI-REGGINA: 0-1

Bari (4-3-3): Lamanna; Borghese, Dos Santos, Polenta, Ristovsky; Romizi (73′ Grandolfo), Filkor, Sciaudone; Galano, Caputo, Fedato. A disp.: Pena, Visconti, Gonzalez, Aprile, Defendi, Altobello. All.: Torrente.
Reggina (4-3-3): Baiocco; Lucioni, Ely, Bergamelli, Melara; Armellino, Di Bari, Hetemaj (74′ Castiglia); Sarno, Comi (92′ Freddi), Ceravolo (82′ Fischnaller). A disp.: Facchin, Viola, D’Alessandro, Bombagi. All.: Dionigi.
Arbitro: Ostinelli di Como
Marcatori: 71′ Comi (R)
Noteammoniti: Filkor, Borgese, Ristovsky (B), Armellino, Hetemaj, Comi, Melara, Fischnaller (R); espulsi: –

CLICCA QUI PER VEDERE LA CLASSIFICA

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.