Premier League, 11/a giornata: bene il City, Chelsea-Liverpool 1-1

Domenica di partite importanti in Premier League, si comincia con il Manchester City che rimonta e batte il Tottenham, 2-1. Dalle parti di Manchester dev’essere un’abitudine, negli ultimi tempi, la vittoria in rimonta. Questa volta Aguero prima, Dzeko poi, rispondono al vantaggio degli Spurs di Villas Boas con Caulker e conquistano una vittoria che li tiene in scia ai cugini dello United, solo 2 punti in meno. Una bella gara, ben giocata da entrambe le squadre, con i Citizens che hanno fatto però molta fatica a concretizzare le varie occasioni da gol e, per questo, la rete subìta sarebbe potuta risultare pesantissima.

Così non è stato, soprattutto grazie all’ennesimo “gol dalla panchina” di Dzeko, ormai sempre più calato (a forza o meno, questo è da vedere, ndr) nel ruolo di super-panchinaro, ovvero colui che entra nel finale e risolve le partite in caso di problemi. Grande merito al bomber bosniaco nel sapersi calare sempre al meglio in queste situazioni ma, avendo nemmeno 27 anni, si potrebbe dire sia un ruolo un po’ sprecato.

Tonfo inaspettato del Newcastle che perde in casa 0-1 contro il West Ham. La squadra di Allardyce vince la gara grazie a un gol dell’ex di turno Kevin Nolan nel primo tempo. Per gli Hammers sono 3 punti d’oro e ora la classifica diventa interessante, 6o posto a soli due punti dal WBA attualmente in zona Europa League. Per il Newcastle una sconfitta che frena le ambizioni e la fiducia dell’ultimo periodo, acuita dalla chance del pari capitata a Demba Ba, con il pallone salvato sulla linea da Jääskeläinen.

Nell’ultima partita della giornata, invece, il Chelsea è bloccato sull’1-1 dal Liverpool. Vantaggio dei padroni di casa nel primo tempo, con una perentoria incornata di John Terry, su corner di Mata. Per il capitano dei Blues, al ritorno dalla lunga squalifica per il caso di razzismo con Anton Ferdinand, è però un pomeriggio da dimenticare: passano una ventina di minuti dal gol e si ritrova coinvolto in uno scontro fortuito con Suárez. La dinamica è piuttosto brutta, con l’uruguaiano che finisce sul ginocchio di Terry, con tutto il peso del corpo. Per il n26 del Chelsea si prospetta un grave infortunio e un lungo stop.

Nella ripresa gli uomini di Di Matteo tentano di chiudere la gara, sfruttando soprattutto le ripartenze. Ma il Liverpool trova l’inaspettato pareggio: corner da destra, sul primo palo Carragher prolunga e sul secondo sbuca Suárez che manda in rete da due passi. Punto importante per gli ospiti, nonostante una gara difficile e una prestazione non eccelsa, arriva un bel risultato che darà sicuramente fiducia dopo alcuni risultati scadenti. Per il Chelsea, invece, passo falso che rallenta il cammino in campionato: ora i Blues scivolano a -3 dal Manchester United e si vedono superati al secondo posto dal City.

Sabato
Arsenal-Fulham: 3-3 (11′ e 69′ Giroud (A), 23′ Podolski (A), 29′ e rig. 67′ Berbatov (F), 40′ Kacaniklic (F))
Everton-Sunderland: 2-1 (45′+1 Johnson (S), 77′ Fellaini (E), 79′ Jelavic (E))
Reading-Norwich: 0-0
Southampton-Swansea: 1-1 (65′ Schneiderlin (S), 73′ Dyer (SW))
Stoke City-QPR: 1-0 (52′ Adam)
Wigan-WBA: 1-2 (31′ Morrison (WB), 43′ aut. Caldwell (WB), 44′ Kone (W))
Aston Villa-Manchester United: 2-3 (45′+1 e 50′ Weimann (A), 58′, 63′ e 88′ Hernández (M))

Domenica
Manchester City-Tottenham: 2-1 (21′ Caulker (T), 66′ Aguero (M), 88′ Dzeko (M))
Newcastle-West Ham: 0-1 (39′ Nolan)
Chelsea-Liverpool1-1 (20′ Terry (C), 72′ Suárez (L))

PER CONSULTARE LA CLASSIFICA DELLA PREMIER CLICCA QUI

Condividi
Torinese, classe 1983. Da piccolo voleva vedere Wembley e il Maracanã, gli manca ancora il secondo. Toro e Arsenal nel cuore, sta fra un tackle di Gilberto Silva e Tony Adams che chiama il fuorigioco.