Derby di Roma: il calcio che si fa magia

“L’importante non è quello che trovi alla fine di una corsa, ma ciò che provi mentre stai correndo”. La frase è di Giorgio Faletti, il film è Notte prima degli esami. L’ansia che culla i tifosi di Lazio e Roma è più o meno la stessa che uno studente prova alle soglie della maturità: paura di non farcela, attesa spasmodica per l’evento, il tempo che non passa mai, l’adrenalina mista a tensione. Prendendo alla lettera le parole del 62enne di Asti, un primo verdetto è già enunciabile: comunque vada, hanno vinto tutti in partenza. Perché se davvero ciò che conta è la corsa, allora non dovremmo mai smettere di ringraziare le due sponde capitoline per le sfumature che ci regalano.

Laggiù dove il calcio è passione pedante e ossessiva, gli estremi si rincorrono a suon di sfottò. I romanisti si vantano di essere gli unici rappresentanti della città; i laziali ricordano una nascita avvenuta ben 27 anni prima rispetto ai cugini. I giallorossi hanno subito la replica pronta: 11 stagioni in serie B sono un dolore incancellabile. Ma il covo biancoceleste si rifà sostenendo che l’Aquila, introdotta nell’esercito romano da Caio Mario alcuni secoli prima di Cristo, anticipi la Lupa come simbolo della Capitale.

Ce n’è per tutti i gusti, insomma. A mio parere, la cosa più bella di un derby è appunto l’atmosfera che precede la partita. Per chi ama questo sport, credo sia un’esperienza da vivere almeno una volta. Annusi l’odore della contesa nei piccoli bar, dove caterve di fedelissimi si riversano per sfogliare il Corriere dello Sport o bere un caffè che poi pagherà lo sconfitto di turno. Non ci sono differenze in quei momenti: il distinto signore in giacca e cravatta prova le stesse sensazioni dello spazzino reduce dalla nottata. E’ la magia del calcio, che riunisce e parifica chiunque.

Sarà una bella storia anche sul campo. Sono del parere che la Lazio, nonostante le cinque sconfitte consecutive avvenute in tempi recenti, riesca ad avere un approccio molto più grintoso al match rispetto alla Roma. A favore dei giallorossi c’è però un fattore: Ledesma e compagni sanno che i loro cugini possiedono molta più qualità (è così da anni per predisposizione naturale) perciò mascherano dietro il furore agonistico una sana paura. Petkovic contro Zeman, Totti contro Klose, Lamela contro Hernanes. Di certo non ci si annoierà. L’augurio è che, in fin dei conti, sia solo calcio o meglio quella miscela esplosiva di gol e ironia romana che ti toglie il fiato, ti fa invidiare dagli altri e se trionfi ti porta in Paradiso.

 

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.