Ma Stroppa non merita questo trattamento…

Il Pescara batte il Parma 2 a 0 e Giovanni Stroppa salva la sua panchina. L’ex tecnico del Sudtirol aveva a disposizione un solo risultato per conservare il posto: la vittoria. Si è presentato a questa partita quasi come un condannato a morte, a cui rimangono poche chanches per evitare la mazzata del boia.

Ora è lecito porsi una domanda: ma Stroppa meritava davvero un simile trattamento? Il Pescara ha una rosa francamente non all’altezza della serie A; se confrontiamo l’intelaiatura attuale con quella della passata stagione, c’è una differenza netta a favore della squadra di Zeman. E’ forse la prima volta che una neopromossa si indebolisce. Ciò nonostante gli abruzzesi, con i tre punti di oggi, salgono a quota 11 in classifica e si lasciano dietro sette compagini . Giovanni Stroppa sta facendo il massimo, sta portando una formazione mediocre al livello delle altre. Il problema è che, così facendo, ha illuso i suoi stessi dirigenti di avergli costruito un’ossatura più che valida per la salvezza. Ma se proprio ci fosse uno da esonerare, quello dovrebbe essere Daniele Delli Carri. O chi per lui…

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.