Spettacolo a Heraklion: OFI e Pana fanno 2-2

Jesualdo Ferreira porta a Creta i migliori disponibili, ma apporta alcune modifiche schierando il Panathinaikos col 4-3-3: esordisce in Superleague il terzino sinistro classe ’94 Chouchoumis, Andre Pinto scala centrale al posto di Spiropoulos, le giovani e velocissime ali Mavrias e Sissoko sostituiscono Christodoulopoulos e Quincy. Anche Anastopoulos modifica l’assetto del suo OFI togliendo Zorbas e Banousis per Ioannidis e Lampropoulos.

ESPLOSIONE DI EMOZIONI. C’è un’atmosfera da vero calcio greco al Vardinoyannis di Heraklion: stadio pieno come un uovo, cartoncini che volano e cori a non finire. La cornice si rispecchia sul campo, dove due squadre alla ricerca di conferme di danno battaglia a colpi di scarpate e spintoni, ma anche di finezze e colpi di tacco. Già al 9′ minuto si infiamma il tifo: l’esordiente Chouchoumis (chiesto a gran voce in settimana dai tifosi del Pana) scende sulla sinistra e mette in mezzo un pallone su cui si avventa l’eroe di giovedì Toché, anticipando il centrale. Dopo venti minuti di lotta, l’OFI perviene al pareggio grazie a Vasilios Koutsianikoulis (ex Ergotelis, passato da rivale a idolo di casa) che approfitta di una difesa mal schierata per insaccare di testa un cross in diagonale proveniente da centrocampo. Passano appena due giri di orologio e Mavrias, complice una deviazione, insacca il 2-1 verde, culminando una pregevole azione sulla destra. C’è ancora spazio per un tiro al volo splendido di Verón e per ammirare un Sissoko scatenato che corre dappertutto, prima che il tempo finisca. La speranza è che il secondo tempo sia all’altezza di una prima frazione da urlo.

OFI GENEROSO, MERITATO PAREGGIO. Al rientro, l’OFI inizia a martellare. Spinta da un pubblico caldissimo, la squadra di casa si rende pericolosa in molte occasioni con Koutsianikoulis e Verón, trovando sempre un Karnezis attento. Il meritato gol del pareggio arriva al 72′, quando un cross dalla destra viene deviato in rete da Thanasis Papazoglou, che salta tra due disattenti Lagos e Velazquez. Da lì la partita ritorna sul binario del primo tempo: tanta corsa e occasioni. L’OFI lavora di più, ma è il Panathinaikos a mettere più paura grazie ad una cavalcata di Vitolo che, una volta saltato il portiere, mette in mezzo per Marinos che non aggancia il pallone. Brutta tegola, infine, per la difesa del Panathinaikos che vede uscire dolorante Andre Pinto, fatto che aggrava la penuria di uomini per quel reparto.

OFI – PANATHINAIKOS: 2-2 (1-2)
OFI (4-2-3-1): Gounaridis; Lampropoulos(85′ Banousis), Kourdakis, Souza, Maniakis; Verón, Zacharakis; Koutsianikoulis, Šišić, Ioannidis(46′ Vitoros); Papazoglou(82′ Perogamvrakis). A disp.: Sarr, Zorbas, Vandinho, Agrimakis. All.: Anastopoulos.
Panathinaikos (4-3-3): Karnezis; Seitaridis, Velazquez, Andre Pinto(67′ Lagos), Chouchoumis; Vitolo, Marinos, Zeca(78′ Christodoulopoulos); Sissoko, Toché, Mavrias(61′ Quincy). A disp.: Fornaroli, Kotsolis, Spiropoulos, Fourlanos. All. Ferreira.
Arbitro: Stavros Tritsonis.
Marcatori: 8′ Toché (P), 27′ Koutsianikoulis (O), 29′ Mavrias (P), 72′ Papazoglou (O).
Note: ammonizioni: Moniakis, Zacharakis, Banousis (O), Chouchoumis, Vitolo, Toché (P).

Condividi
Pavese classe '91, laureato in scienze politiche, per lui lo sport è uno specchio su cui si riflette la storia di un popolo. Stregato dal calcio inglese e greco, ama la politica, l'heavy metal e il whiskey. Email: fpiacentini@mondosportivo.it