Cronache dalla Russia: lo Zenit commemora Beslan

Mentre i giornalisti osseti fanno infuriare Spalletti con una conferenza stampa unicamente mirata a dar peso all’episodio discusso del gol decisivo di Aleksandr Kerzhakov, lo Zenit nella serata di sabato, quindi dopo la gara con l’Alaniya, ha deciso di non aizzare in alcun modo le polemiche, compiendo anzi un gesto davvero pieno di umiltà e sensibilità, come la visita a Beslan, luogo della tragica strage che accadde nell’Ossezia del Nord otto anni fa.

Quel giorno, il 1 settembre 2004, un gruppo di ribelli e separatisti ceceni assediò una scuola elementare; tre giorni dopo l’irruzione delle forze armate provocò il massacro un migliaio tra morti e feriti, per la maggior parte bambini. E’ questo a dar il senso della crudeltà dell’accaduto, l’occupazione armata di un luogo scolastico, non di una caserma. Ma, si sa, l’educazione e l’insegnamento spesso fanno più paura delle armi in sè.

Fatto sta che lo Zenit, come squadra, gruppo e società, ha deciso di onorare le vittime ed ha presenziato nel luogo della tragedia, la cosidetta “Gorod Angelov”, terra degli angeli. Tale luogo, teatro del sopracitato fattaccio, ospita ora dei monumenti e delle targhe volte a mantenere vivo l’indelebile ricordo di uno dei punti più bassi che la Federazione Russa ha toccato nel recente passato.

“In un posto del genere” ha detto il difensore belga Nicolas Lombaerts “capisci come la vita possa finire da un momento all’altro. Capisci come il calcio alla fine conti poco, che le cose importanti nella vita sono altre.” E gli altri calciatori non hanno potuto far altro che accodarsi alle parole del centrale dello Zenit. Gesto d’obbligo, che lascia tanto nell’animo di tutti i componenti, perchè umano, e sentito.

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it