Milan, Allegri vuole calma: “No a un’eccessiva frenesia. Ma col Genoa voglio 3 punti”

Massimiliano Allegri

“Quella di domani è una partita da vincere, tra l’altro affronteremo una squadra con buone qualità e avuto il cambio d’allenatore; Delneri è molto bravo, e direi bravissimo nella fase difensiva. Dovremo avere quindi una grande pazienza e non farsi prendere da un’eccessiva frenesia”. In conferenza stampa, Allegri allontana le voci su un suo addio e si proietta alla gara con il Genoa: “Ultima spiaggia per me? Assolutamente no, non è l’ultima spiaggia perché io vado sugli scogli – ha ironizzato – E poi, non è assolutamente nel mio carattere sperare in un licenziamento. Non è così che penso di risolvere le cose: una soluzione ci sarà quando la squadra risalirà in campionato. Io sono molto lucido nell’analizzare le cose e oltretutto la squadra mi segue – ha assicurato Allegri – se così non fosse, sarei io ad andare il primo in società a dirlo. Il Milan per me ha fatto tanto, mi ha preso dal Cagliari e in due anni mi sono tolto belle soddisfazioni”.

IL GENOA – Squadra insidiosa, e Delneri è un tecnico bravo, che darà stimoli ai suoi giocatori. Dovremo giocare con attenzione. Cosa serve per battere il Grifone? Non si può mai sapere con certezza cosa serve per vincere – ha spiegato – molto spesso basta anche mezzo tiro in porta. Fino a questo momento ci sono stati molti problemi di precisione; a Malaga la squadra ha fatto una buona partita, ma ci sono stati errori nell’ultimo passaggio. Bisogna essere più lucidi e sfruttare meglio le occasioni quando portiamo palla negli ultimi trenta metri. Il Genoa è un’ottima squadra, e dovremo saper essere insidiosi e pungenti”.

SULLA FORMAZIONE – “La difesa a tre? Potrei riproporla – ha aggiunto Allegri – E’ una soluzione che sto pensando di attuare di nuovo. Farò le mie scelte con calma – ha aggiunto – De Jong? Sta bene, devo capire chi mettergli accanto: Ambrosini fatica quando gioca con lui. Pato invece è molto probabile che possa trovare posto sin dall’inizio. Boateng? Si sta impegnando, non è mai bello mettere qualcuno in tribuna, figuriamoci uno del suo talento. Ma contro il Malaga ho scelto di fare così. Confido, comunque, nella sua voglia di rivalsa”.

Condividi
Appassionato di sport – calcio, NFL e tennis su tutti. Direttore di MondoPallone.it, giornalista e telecronista di Sportitalia. Ottimista e molto (troppo) frenetico. Email: amilone@mondosportivo.it