E’ successo in Europa: il Bruges va ko, settima meraviglia Olympiakos

Jupiler League (Belgio), 11/a giornata – Caos in vetta alla classifica del massimo campionato belga, con ben cinque squadre racchiuse nel giro di tre soli punti. A far scalpore è stata la netta sconfitta del Club Bruges, sonoramente battuto sul campo del Oud-Heverlee; un 4-1 che fa male ai neroblu, agganciati al primo posto dai rivali dell’Anderlecht, che non hanno problemi a sbarazzarsi del modesto Waasland-Beveren. Alle spalle del duo di testa salgono il Genk, 3-0 al Beerschot, e il Kortrijk, corsaro di misura a Gent. In coda alla graduatoria è notte fonda per l’altra formazione di Brugges, il Cercle: i neroverdi perdono anche contro il Mechelen e rimangono ultimi con soli 4 punti all’attivo, tre in meno del già citato Waasland-Beveren. Più tranquille, invece, Sporting Charleroi e Lierse.

Super League (Grecia), 7/a giornata – E’ un Olympiakos spietato quello che divora in un sol boccone il piccolo Xanthi: un 4-0 che non ammette repliche e che lancia la squadra del Pireo in vetta solitaria alla classifica a punteggio pieno. La 7/a giornata della Super League greca ha sancito il cambio della guardia alle spalle dei biancorossi atenisi: il Panionios cade clamorosamente in casa contro il Kerkyra e cede il passo al PAOK Thessaloniki, che supera di misura un AEK Atene allo sbando totale e sale in seconda posizione, portandosi a meno cinque dalla capolista. Dopo la vittoria si quindici giorni fa il Panathinaikos delude le attese, non andando oltre un 1-1 casalingo. Nella zona calda della classifica, detto dell’ultimo posto solitario del già citato AEK, si fa critica anche per lo stesso Xanthi, mentre coglie un buon punto il Levadiakos, che sale a quota 5 punti.

Liga I (Romania), 12/a giornata – Tutte le attese della vigilia erano concentrate sullo scontro diretto al vertice tra il Pandurii padrone di casa e la Steaua Bucarest, secondo contro prima della Liga I romena: ebbene, al “Tudor Vladimirescu” di Targu Jiu termina 0-0, un risultato utile agli ospiti che mantengono tre lunghezze di vantaggio sui rivali. Sale al terzo posto, intanto, l’FC Vaslui, che vince in casa la sua gara e approfitta della contemporanea sconfitta del sorprendente Astra Ploiesti, battuti 2-1 dagli ex campioni di Romania dell’Otelul Galati. Finisce 1-1, invece, una delle gare più sentite dell’intero campionato, uno dei derby di Bucarest tra la Dinamo ed il Rapid. In zona retrocessione, continua a perdere il Drobeta Turnu Severin, sconfitto anche dal Petrolul Ploiesti; stesso discorso per lo Iasi, mentre il Gloria Bistrita vince la sua partita e prende tre punti importantissimi.

Super Lig (Turchia), 8/a giornata – Undici squadre in cinque punti: è questa l’assurda situazione che si sta vivendo in vetta alla classifica della Superliga turca. Il risultato più clamoroso arriva da Ankara, dove i campioni di Turchia in carica del Galatasaray vengono stoppati sul pirotecnico punteggio di 3-3 dal Gençlerbirliği padrone di casa; un mezzo passo falso che favorisce l’ Antalyaspor, che batte 4-2 il Sivasspor e aggancia al primo posto i giallorossi dell’Imperatore Terim. Non ne approfitta, invece, l’Orduspor, che pareggia in casa e manca il sorpasso in vetta: i biancoviola sono ora a un punto dal duo di testa.  Doppio 1-1 per le altre grandi di Turchia, Besiktas e Fenerbache, con i gialloblu in particolare che possono recriminare per l’occasione sprecata. In fondo alla graduatoria, piccoli ma significativi passi in avanti per Elazigspor e Mersin, che pareggiano entrambe 2-2 nei rispettivi incontri e tornano a sperare.

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.