Inter inarrestabile, Cassano e Palacio stendono il Catania

Cassano e Palacio regalano i tre punti all’Inter e portano i neroazzurri a 18 punti in classifica a pari merito della Lazio, ieri vittoriosa contro i cugini del Milan. Buona comunque la prova del Catania che soprattutto nel primo tempo ha avuto le sue chances per andare in gol prima e dopo il vantaggio di Cassano. Gli etnei hanno anche da recriminare un netto calcio di rigore non assegnato dall’arbitro Russo per un fallo di Guarin su Gomez.

CATANIA SPAVALDO, FANTANTONIO MATTATORE- Sono gli uomini di Maran che iniziano meglio la gara e già al 6′ arrivano i primi brividi per il popolo neroazzurro quando Almiron spara clamorosamente alto davanti ad Handanovic dopo un illuminante passaggio di Barrientos che manda a vuoto Juan e Ranocchia. Timida la risposta dell’Inter con Cassano che non capitalizza un bel lancio di Samuel. Il sostanziale equilibrio dei primi 28 minuti viene spezzato però proprio da Fantantonio il quale di testa ribadisce in rete un pallone servito perfettamente da Cambiasso. Gli etnei non demordono e si affacciano ripetutamente nell’area avversaria. Prima Marchese che con un tiro dei suoi insidia Handanovic e poi Izco con un colpo di testa a fil di palo su preciso servizio proprio di Marchese.

GOMEZ RECRIMINA, PALO RANOCCHIA- Nella ripresa le due squadre si confrontano a viso aperto e la gara diventa più divertente e godibile rispetto alla prima frazione. Al 57′ il tridente neroazzurro si rende protagonista: Cassano, servito da Milito, mette al centro un invitante pallone sul quale Palacio non arriva per un soffio. Ancora Inter poi con il neo entrato Ricky Alvarez il quale sciupa davanti ad Andujar dopo un bel numero con la suola che aveva mandato al bar i difensori rossoazzurri. A un quarto d’ora dalla fine però Russo di Nola e (soprattutto) l’arbitro di porta Massa la combinano grossa non assegnando un calcio di rigore al Catania per un netto fallo di Guarin sul ‘Papu’ Gomez. I ragazzi di Stramaccioni non si scompongono e prima sfiorano il raddoppio con Ranocchia che colpisce il palo dopo un imperioso colpo di testa e poi lo trovano col primo gol in serie A con la maglia dell’Inter di Rodrigo Palacio. Splendido il suo controllo di petto e sinistro al volo con il quale trafigge Andujar sul primo palo.

Vittoria sostanzialmente meritata per i neroazzurri che ora ci credono e lanciano la sfida a distanza alla Juventus, distante solo 4 punti ma che potrebbe prima o poi inciampare vista la difficoltà nel sostenere il duplice impegno campionato-Champions League.

INTER-CATANIA 2-0 (1-0)

Inter (3-4-1-2): Handanovic, Ranocchia, Samuel, Juan Jesus, Zanetti, Mudingayi (71′ Guarin), Cambiasso, Obi (62′ Gargano), Cassano (69′ Alvarez), Palacio, Milito. A disp.: Belec, Cincilla, Silvestre, Coutinho, Alvarez, Guarin, Gargano, Pereira, Mbaye, Ducan, Jonathan, Livaja. All.: Stramaccioni
Catania (4-3-3): Andujar, Alvarez, Legrottaglie, Spolli, Marchese, Izco (65′ Castro), Lodi, Almiron (81′ Ricchiuti), Barrientos, Bergessio, Gomez. A disp.: Frison, Potenza, Rolin, Morimoto, Castro, Ricchiuti, Biagianti, Salifu, Capuano, Messina, Doukara. All.: Maran
Arbitro: Carmine Russo di Nola
Marcatori: 27′ Cassano (I), 85′ Palacio (I)
Note: Ammoniti: Legrottaglie, Castro (C)

Condividi
Nato a Formia l’11 aprile 1991, grande appassionato di giornalismo sportivo. Segue con molto interesse il calcio nazionale ed internazionale, è molto attento alle trattative di calciomercato. Mondopallone è la sua occasione per crescere.