Inter, Strama: “Contro il Catania sfida difficile”. I convocati

Alla vigilia del match contro il Catania, L’Inter di Stramaccioni è pronta a scendere in campo dando sèguito al momento florido della squadra. In conferenza stampa il tecnico romano ha parlato di campionato, dello stato dei suoi e anche di mercato: “Siamo pronti a riprendere gioco – ha dichiarato l’allenatore –  La pausa ci è servita per lavorare bene e curare i dettagli. Il Catania ha avuto un avvio di stagione imporante e ha undici punti come Roma e Fiorentina. Sarà una sfida difficile. Sneijder? Rientrerà lunedì e spero di poterlo impiegare subito. In avanti contiamo su Palacio. Abbiamo fortemente voluto l’argentino ed è il nostro punto di riferimento in attacco. Su Silvestre dico che è un difensore molto duttile, può giocare anche a tre, ma al momento il trio Samuel, Ranocchia e Juan Jesus sta dimosntrando un grande valore. Io schiero in campo chi vedo più pronto, non faccio gerarchie“.

In attacco tante sono le scelte per il tecnico nerazzurro: “Tridente con Cassano-Palacio-Milito? Sì, mi stuzzica, ma temo sia uno schieramento troppo sbilanciato. Preferisco inserire Coutinho che mi garantisce più copertura“.

Inoltre qualche dichiarazione sull’ormai vecchio obiettivo di mercato, Paulinho: “Se l’abbiamo già acquistato? Non mi risulta. E’ vero, tra i tanti club che si sono interessati a lui noi siamo stati i primi, ma ciò non significa che sia già nostro. Sarebbe comunque un innesto importante per il nostro centrocampo, visto che sa giocare a due o a tre e sa inserirsi e segnare, oltre ad avere la capacità di recuperare palla. Chi tifo oggi tra Juve e Napoli? Io tifo solo Inter…“.

I convocati di Stramaccioni:

Portieri: 1 Handanovic, 27 Belec, 32 Cincilla;

Difensori:
4 Zanetti, 6 Silvestre, 23 Ranocchia, 25 Samuel, 33 Mbaye, 40 Juan Jesus, 42 Jonathan;

Centrocampisti: 11 Alvarez, 14 Guarin, 16 Mudingayi, 19 Cambiasso, 20 Obi, 21 Gargano, 31 Pereira, 41 Duncan;

Attaccanti: 7 Coutinho, 8 Palacio, 22 Milito, 88 Livaja, 99 Cassano.

Condividi
Nato a Catania il 10 giugno 1987, si è laureato in Scienze della Comunicazione a Bergamo, dove ha cominciato l’attività pubblicistica collaborando con Bergamo&Sport, Bergamosportnews.it e Itasportpress.it. Segue con passione il calcio a tutti i livelli.