Verona: tifoso ubriaco, salvato dal tritarifiuti

Ha scelto un modo senz’altro insolito per festeggiare, il 40enne veronese tifoso dell’Hellas. Dopo la vittoria del suo Verona contro il Grosseto, il tifoso ha deciso di esultare alzando un po’ troppo il gomito; il risultato è stato che ha deciso di trascorrere la notte in un cassonetto della spazzatura, in Valverde. E fin qui, nulla di così sconvolgente. Il problema è sorto quando, alle prime luci dell’alba, l’operatore ecologico ha iniziato a lavorare. Non accorgendosi di nulla, ha proceduto con l’assicurare il cassonetto al macchinario per lo svuotamento. A salvargli la vita, oltre alle sue urla, è stata una pattuglia dei carabinieri che, passando casualmente da quelle parti, ha udito le sue grida che provenivano dal cassone del camion, e ha ordinato al conducente di fermare tutto. Recuperato il 40enne, è stato affidato alle cure dell’ospedale di Borgo Trento. Ricoverato in stato di shock, ha riportato delle semplici ferite alle gambe, guaribili nel giro di 5 giorni.

Condividi
Nato a Gaeta nel 1988. Appassionato di (grande) calcio, ma anche di molti altri sport. Dopo aver calpestato svariati campi di terra ed erba, ha deciso di tentare la sua prima avventura in una redazione.