Manchester United: Tunnicliffe dietro le sbarre

Ecco come passare dalle stelle alle stalle, “dall’altare, alle polveri“, per dirla un po’ alla Manzoni. La storia di Ryan Tunnicliffegiovane centrocampista del Manchester United che, nel giro di due settimane, è passato dall’esordio in prima squadra al carcere. Il 19enne ha esordito, infatti, nell’incontro di Capital One Cup, contro il Newcastle, grazie alla fiducia datagli da Ferguson. Adesso Sir Alex, però, è piuttosto infuriato con il giovane Tunnicliffe per una sua bravata che gli è costata la galera: sabato pomeriggio, è stato arrestato con l’accusa di guida in stato di ebbrezza, dopo essersi schiantato contro un furgone parcheggiato. Il padre, che aveva investito molto nel successo del figlio, adesso si ritrova a dover spendere quanto incassato, per pagare un buon avvocato, con la speranza che la carriera del figlio non sia del tutto compromessa.

Condividi
Nato a Gaeta nel 1988. Appassionato di (grande) calcio, ma anche di molti altri sport. Dopo aver calpestato svariati campi di terra ed erba, ha deciso di tentare la sua prima avventura in una redazione.