Inter, i commenti post-partita

In una bella vittoria esterna in Europa League contro il Neftçi, l’Inter di Stramaccioni ha visto brillare due nomi su tutti. Stiamo parlando di Philippe Coutinho e Joel Obi. Di seguito le dichiarazioni dei due giocatori, messosi in mostra entrambi con un gol, e del tecnico nerazzurro.

COUTINHO – Il giovane brasiliano, in attesa del derby di domenica, è contento della fiducia datagli da Stramaccioni, senza trascurare la sua importante esperienza in Spagna: “Non so se giocherò nel derby, ma è importante vincerlo. Con il Milan sarà molto difficile ma possiamo farcela se giochiamo come abbiamo fatto ultimamente. Quanto è stata importante l’esperienza in Spagna? Come sempre dico che per me è stato importantissimo giocare in Spagna, lì il mister mi ha dato fiducia e mi ha fatto giocare. Poi sono tornato e ho trovato la fiducia di Stramaccionin e questo mi ha fatto piacere. Lui dà fiducia a tutti”.

OBI – Una serata diversa dalle altre anche per Obi, che segna grazie ad una grande performance, nonostante un infortunio smaltito da poco: “Sono felice per il gol e soprattutto per la vittoria che ci serviva tantissimo – ha detto a Sky -. E’ stato un periodo difficile per l’infortunio, adesso ho recuperato e spero di poter essere utile all’Inter. Il ruolo? Darò sempre il 100% in base a ciò che decide il mister, aspetto il mio turno e do sempre il massimo quando vengo chiamato in causa”.

STRAMACCIONI – Per l’allenatore nerazzurro non era affatto semplice, ma bisogna lodare il primo tempo dei suoi, uniti malgrado l’ampio turn-over dopo la Fiorentina: “E’ stata una gara difficile, ma l’Inter ha giocato un primo tempo importante. C’erano solo tre giocatori reduci dalla Fiorentina, questo è un segnale che la squadra sta crescendo come gruppo ed era la cosa che più mi interessava. Abbiamo giocato un primo tempo con tante occasioni e tre gol segnati. Stiamo lavorando bene, siamo un gruppo nuovo ma importante. Oggi c’erano in campo 5 giocatori sotto i 21 anni e questo per me è un segnale importante, indice che stiamo lavorando bene. Coutinho? Anche quando Sneijder è mancato ad inizio stagione, Philippe ha sempre dimostrato di essere all’altezza, offrendo prestazioni importanti. C’è tanto da lavorare, noi continuiamo così, con profilo basso. Io favorito nel derby? No, credo che sia il Milan il favorito dopo la vittoria a San Pietroburgo”.

Condividi
Nato a Corleone l'1 luglio 1995, appassionato di calcio, ha già collaborato con Mondopallone ai tempi del vecchio sito. Collabora inoltre con tuttochampions.it dopo aver scritto anche per sportsbook24.net.