Ederson regala i tre punti alla Lazio, Maribor battuto 1-0

Partita divertentissima all’Olimpico, decisa da un guizzo di Ederson. Il risultato poteva essere più rotondo ma Hernanes si è fatto parare il rigore. Con questi tre punti la Lazio sale a quota 4 nel girone di Europa League.

TANTE EMOZIONI MA LA RETE NON SI GONFIA – Petkovic applica un massiccio turnover in vista del  campionato: non convocati Ledesma e Klose, si accomodano in panchina Marchetti, Biava e Mauri. In campo dal primo minuto Bizzarri, Ciani e Gonzalez. Se la Lazio è rimaneggiata, il Maribor di Milanic è in formazione-tipo con la coppia formata da Tavares e Beric a guidare l’attacco. Fin dalle prime battute si capisce che sarà una partita divertente. Appena 12 secondi dopo il fischio d’inizio Hernanes scalda i guantoni di Handanovic. I biancocelesti fanno la partita, dettano i ritmi e si rendono pericolosi con Ederson che in area avversaria cincischia con il pallone non riuscendo a concludere l’azione. Il Maribor non sta certo a guardare: in pochi minuti gli sloveni sfiorano due volte il vantaggio, prima con Filipovic che di testa trova la traversa, poi con Cvijanovic che si incunea in area laziale e tira a botta sicura trovando la pronta risposta di Bizzarri. Riacquistato il controllo del centrocampo, la Lazio torna padrona del gioco. Le occasioni per i capitolini fioccano ma la palla non vuole saperne di entrare: Candreva prende prima il palo e poi la traversa con due tiri-cross molto tesi, Ederson segna ma la rete è giustamente annullata per fuorigioco e poi sfiora il palo con un destro da fuori area. La partita è molto frizzante, le due squadre si affrontano a viso aperto.

EDERSON SBLOCCA, HERNANES SBAGLIA IL RIGORE – La ripresa si apre con una fantastica percussione di Ederson che fa fuori Vidovic e conclude di sinistro non riuscendo a inquadrare lo specchio della porta. Il Maribor si fa vedere dalle parti di Bizzarri con Tavares che sul cross di Ibraimi stacca, sfiorando la traversa. Candreva è la spina nel fianco della difesa slovena: i suoi inserimenti fanno impazzire Mejac che non lo prende mai e proprio in una di queste occasioni il centrocampista laziale sfiora il gol trovando solo l’esterno della rete. A illuminare la notte dell’Olimpico è Ederson che segue l’azione di Floccari e si avventa come un falco sulla respinta corta di Handanovic piazzando il tap-in vincente. Poco dopo il brasiliano esce, sostituito da Onazi. Il pubblico gli riserva un lungo applauso, l’ex centrocampista del Lione ha già conquistato il cuore dei laziali. A un quarto d’ora dalla fine Vidovic ferma Floccari lanciato in porta con un evidente fallo di mano. È rigore ed espulsione. Il 2-0, però, non si concretizza perché Hernanes si fa parare il rigore da Handanovic che si salva grazie all’aiuto del palo. Il risultato resta in bilico fino al fischio finale nonostante i ragazzi di Petkovic siano in vantaggio di un gol e un uomo. Alla fine ecco i tre punti, preziosissimi per proseguire il cammino in questa competizione.

LAZIO-MARIBOR 1-0

Lazio (4-1-4-1): Bizzarri; Konko, Ciani, Dias, Cavanda; Cana; Candreva, Ederson (69° Onazi), Hernanes, Gonzalez (84° Zarate); Floccari (90° Kozak). A disp. Marchetti, Guerrieri, Scaloni, Lulic, Biava, Mauri. All. Petkovic.
Maribor (4-4-2
): Handanovic; Milec, Rajcevic, Vidovic, Mejac; Cvijanovic (86° Komazec), Filipovic, Mertelj, Ibraimi; Tavares (61° Mezga), Beric. A disp. Pridigar, Radan, Trajkovski, Viler, Lesjak, Crnic, Ploj. All. Milanic.
Arbitro: Marciniak (Polonia).
Reti:
62° Ederson (L).
Note: Ammoniti
Cana (L); Tavares (M). Espulso Vidovic (M) al 76° per fallo di mano. Al 77° Handanovic para rigore a Hernanes.

Condividi
Nato a Roma il 19 novembre 1988, vive e lavora nella Capitale. Laureato in Scienze della Comunicazione, collabora con vari siti d’informazione sportiva. Ha fatto parte della prima avventura di Mondopallone. Recidivo. Email: vdardanelli@mondosportivo.it