Senza Mazzarri si vince: espulsioni volute?

Senza Mazzarri si vince: può sembrare un paradosso, invece è una statistica. Ogni volta che l’allenatore azzurro viene espulso a gara in corso oppure comincia la sfida direttamente dalla tribuna, Cavani e compagni non perdonano. Il dato è ormai una garanzia, tanto che il buon Frustalupi (vice di Mazzarri) a Napoli è considerato una sorta di santino da inserire nel presepe.

A questo punto sorge spontanea una domanda: e se il buon Walter lo facesse apposta a fare infervorare gli arbitri? Forse non lo sanno in molti, ma ai tempi di Livorno il tecnico aveva una scaramanzia tutta personale. Barba solo al martedì, con taglio annesso. Si comportava da autolesionista per la voglia di essere maniacale nella cura di qualsiasi dettaglio. A Vilareal, in Champions League, rubò il pallone dalle mani di un avversario, incomprensibilmente. In sala stampa ammise quasi la lucidità del gesto.

Fermo restando che Mazzarri è uno che fa la differenza soprattutto dal punto di vista tattico, la provocazione del giorno è lanciata: “Ma lo fa apposta?”.

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.