Zenit rimandato, 1-1 con la Lokomotiv

Uno Zenit senza infamia e senza lode impatta contro la Lokomotiv e perde ulteriore terreno in classifica. Succede di tutto a San Pietroburgo, con l’arbitro Vilkov che sbaglia qualsiasi decisione, rovinando una partita equilibrata e molto tesa sino ai minuti finali. Ottimo il ritorno di Criscito, subito a segno, mentre Witsel, già innamorato del pubblico biancoblu, guarda la partita assieme ai tifosi.

VILKOV AMMONISCE…..IL GIOCATORE SBAGLIATO-Lo Zenit parte forte e trova il vantaggio dopo pochi minuti: Criscito sfrutta bene una deviazione della difesa e calcia a botta sicura, freddando Kresic; decisiva però un tocco di N’Doye, che mette fuori tempo l’estremo difensore dei ferrovieri. Gli ospiti provano a reagire, e Grigorjev trova il pari: il fuorigioco è però evidente, e l’arbitro annulla. Basta però pochissimo per trovare il vero gol del pareggio: lo stop di petto di N’Doye è sospetto, l’arbitro lascia correre e l’ex Copenaghen fa 1-1. Al 30′ accade qualcosa di clamoroso: Corluka atterra Hulk, e l’arbitro fischia la punizione. Dopo qualche istante il direttore di gara viene chiamato dal quarto uomo, che gli dice di ammonire il giocatore; peccato che Vilkov ammonisca…..Shishkin, il quale ha già un giallo e viene quindi espulso. Si infiamma il match, con Bilic che ha un lungo battibecco con Spalletti.

KERZHAKOV MANCA L’APPUNTAMENTO CON IL GOL- Ad inizio ripresa Vilkov decide di compensare l’errore precedente, e espelle in maniera generosa Anyukov. Non solo, ogni decisione dubbia va a pannaggio dei rossoverdi. Il secondo tempo è privo di grossi sussulti, e soltanto nel finale Kerzhakov avrebbe la palla del vantaggio: l’impatto con la sfera però è difficoltoso, e Kresic ci mette la mano. Finisce 1-1, come nel 2008 e nel 2009, ora sarà la volta del Milan

SPARTAK VITTORIOSO IN RIMONTA-Bella vittoria fuoricasa dello Spartak, che prepara al meglio la sfida decisiva col Celtic. Al gol di Ignatovic risponde Kallstrom; nella ripresa i Myaso dilagano, anche grazie all’espulsione del portiere locale, Narubin. Seconda vittoria in trasferta, dopo quella di Vladikavkaz

GOL FOLLE DI JIRANEK, MA PASSA IL KUBAN– Sfida entusiasmante tra Kuban e Terek: alla fine sono i padroni di casa ad avere la meglio, grazie a un super gol del solito Orbiliz, coadiuvato dal portiere avversario Godzyur. In precedenza Jiranek aveva pareggiato i conti con un gol ultraterreno.

ZENIT-LOKOMOTIV 1-1 14′ Criscito 25′ N’Doye (L)

AMKAR-SPARTAK MOSCA 1-3 22′ Ignatovic (A), 33′ Kallstrom, 67′ Ari, 96′ Dzyuba

KUBAN-TEREK 2-1 33′ Ionov, 36′ Jiranek (T), 83′ Ozbiliz

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it