Perle e Pirla del 5° turno: Klose meglio di Cavani; Zeman contento della Rometta

Vladimir Weiss, slovacco del Pescara, regala ai suoi il primo successo in serie A con una prodezza balistica

Quanti spunti nel turno infrasettimanale della serie A. Il fair play di Klose, al San Paolo, fa da contro copertina alla tripletta di Edinson Cavani. All’Olimpico di Roma, Zdenek Zeman sorprende tutti a fine gara, elogiando la prestazione della sua Roma, fermata sul pari da una Sampdoria in dieci. Il Pescara acciuffa la sua prima vittoria in campionato. Questo tra le Perle e i Pirla della giornata:

Nella serata del San Paolo, con Edinson Cavani protagonista in zona gol con addirittura tre reti all’attivo (e pure un rigore fallito), la perla della serata la tira fuori il centravanti della squadra sconfitta, la Lazio; Miroslav Klose infatti, al 3’, su azione di calcio d’angolo, insacca alle spalle di De Santis ed esulta per il gol convalidato dal fischio dell’arbitro. Subito dopo però, il centravanti tedesco si avvicina al signor Banti e gli confessa di aver toccato con la mano. Il direttore di gara annulla il gol tra gli applausi del pubblico tutto e i complimenti di compagni ed avversari a Klose.

Vladimir Weiss regala la prima vittoria al Pescaria nella serie A 2012-13; lo slovacco, tenuto inizialmente in panchina, fa il suo ingrasso in campo al minuto 56’ della sfida contro il Palermo e mezzora dopo, all’86’ diventa decisivo quando riceve palla poco fuori l’area di rigore, si libera al tiro e batte l’estremo difensore avversario con una traiettoria sotto alla traversa assolutamente da rivedere.

Sarà la prova tv a fare giustizia su Bergessio del Catania. L’argentino, al 44’ della sfida degli etnei contro l’Atalanta, in mischia in area di rigore avversaria, rifila un pungo a Lucchini che crolla a terra per poi rientrare a seguito dell’intervento dei medici. Arbitro e assistenti non si accorgono dello sciagurato gesto che passa non sanzionato, ma rimane immortalato dalle telecamere.

Nuova topica del portiere della Roma Stekelenburg; contro la Sampdoria non trattiene una punizione non irresistibile regalando sui piedi di Munari il pallone del pareggio della Sampdoria. Per un portiere, la calma e la sicurezza sono doti imprescindibili più che per giocatori che ricoprono altri ruoli. L’idea di piazzargli agli spalle l’argentino Goicoechea, arrivato nella Capitale per giocarsi il posto da titolare, non ha giovato in questo all’olandesone. Non è l’unico errore di comunicazione del tecnico della Roma Zeman che riesce in conferenza post gara, a definire positiva l’ennesima rimonta subita dai suoi. Contento lui!

Condividi
Laureato in Filosofia, ha deciso di applicare la materia di studio alla vita, prendendola spesso con filosofia. Prestato al giornalismo per caso, la passione per il calcio ce lo tiene incollato. Vanta comunque diverse esperienze più o meno fortunate.