Brkic, un palo e due traverse: il Toro non supera lo scoglio Udinese

Un Toro sfortunato si deve accontentare del pari all’Olimpico: due traverse e un palo salvano un’Udinese sottotono. Friulani mai realmente pericolosi dalle parti di Gillet, è un passo indietro dopo la vittoria col Milan della scorsa settimana.

LE FORMAZIONIVentura lascia in tribuna Cerci e Masiello: al loro posto giocano Stevanovic e D’Ambrosio. Ancora fuori Brighi, c’è la prima da titolare per Basha, mentre davanti non gioca Bianchi, ma fa il suo esordio dal primo minuto Sansone. Il tecnico dei friulani Guidolin lascia fuori Di Natale e conferma Ranegie, a centrocampo invece rientra dalla squalifica Lazzari. Spazio anche a Barreto, a lungo corteggiato dai granata nel mercato estivo, sugli esterni tocca a Basta e Armero.

BASHA, SOLO UN BRIVIDO – Parte bene l’Udinese, che nei primi minuti mette sotto pressione la formazione di Ventura, producendo però solo un tiro fiacco di Lazzari parato comodamente da Gillet. I granata reagiscono bene e col passare del tempo guadagnano metri, riuscendo a tener palla: non è facile però trovare varchi nella retroguardia friulana, dove giganteggiano Danilo e Benatia. Il Toro prova a pungere coi tiri dalla distanza: dopo un tentativo di Stevanovic, è Basha a creare il pericolo maggiore per Brkic, salvato dalla traversa dopo una gran botta del centrocampista granata. Gillet mette i brividi ai suoi andando a farfalle in uscita e travolgendo Di Cesare, ma Armero non ne approfitta: il primo tempo è praticamente tutto qui, con nessun gol e poco spettacolo.

ANCORA DUE LEGNI FERMANO IL TORO – Avvio scoppiettante nella ripresa, con un’occasione per parte nei primi tre minuti: Willians impegna Gillet a una presa a terra, da una parte, mentre dall’altra è Sansone a colpire ancora una traversa per il Toro, complice la provvidenziale deviazione di Brkic. Cambia Guidolin, che inserisce Badu e Pereyra per Willians e Barreto, e poco dopo cambia anche Ventura, inserendo Bianchi per un Sansone volitivo. L’Udinese continua a non farsi vedere dalle parti di Gillet, ma anche il Toro, pur mantenendo maggiormente il possesso del pallone, non punge mai seriamente Brkic. Entra anche Santana al posto di Stevanovic e proprio il nuovo innesto crea un’altra chance per i granata, ma questa volta è il palo a salvare i friulani. Il Toro ci crede e probabilmente meriterebbe qualcosa di più, i bianconeri negli ultimi minuti sbandano pericolosamente, ma non cedono e provano a tirar fuori il coniglio dal cilindro con un colpo di testa di Benatia da calcio d’angolo, parato dal portiere granata. Al fischio finale di Orsato, non ci sono reti sul tabellino della partita: piemontesi e friulani prendono un punto a testa.

TORINO-UDINESE 0-0
Torino (4-3-3): Gillet, Darmian, Ogbonna, Di Cesare (75′ Glik), D’Ambrosio, Basha, Gazzi, Stevanovic (71′ Santana), Meggiorini, Sansone (60′ Bianchi), Vives. A disp.: Gomis, Rodriguez, Sgrigna, Brighi, Verdi, Diop. All.: Giampiero Ventura.
Udinese (3-5-2): Brkic, Benatia, Danilo, Coda, Basta, Allan (85′ Pinzi), Willians (56′ Badu), Lazzari, Armero, Barreto (56′ Pereyra), Ranegie. A disp.: Padelli, Angella, Faraoni, Di Natale, Pasquale, Fabbrini, Silva, Maicosuel, Heurtaux. All. Francesco Guidolin.
Arbitro: Orsato.
Note: Ammoniti: Meggiorini.

Condividi
Appassionato di calcio in genere, ha collaborato con alcune testate locali che si occupano di calcio giovanile ed è uno dei "vecchietti" reduci del primo MP. Vive a Torino ed è papà di due splendide bimbe. Email: spanetta@mondosportivo.it