Kubok Rossii, sospesa la sfida tra Torpedo e Dinamo

E’ accaduto di tutto oggi all’Eduard Streltsov di Mosca, dove la Dinamo era impegnata sul campo di una delle squadre storiche in Russia, la Torpedo. Purtroppo però non è stata una festa, come accaduto da altri parti, vedi Tomsk o Kaliningrad, e alcuni “tifosi” hanno fatto sì che l’arbitro Timur Arslanbekov dovesse interrompere la partita più volte: nel primo caso le squadre sono state mandate negli spogliatoi alla mezz’ora, a causa del continuo lancio di oggetti in capo. Poi, al 51′, c’è stata la sospensione definitiva, con la conseguente, ma non ancora ufficiale, sconfitta a tavolino per i bianconeri; il tutto sul risultato di 1-2.

Anche prima della sfida gli animi sono stati molto concitati: evidentemente i tifosi della Torpedo aspettavano da tempo la possibilità di riassaporare il gusto di un derby, e hanno deciso di non perdere l’occasione per far vedere la loro civiltà di fronte a tutti. Come potete vedere nel video qui sotto numerose squadre della polizia hanno dovuto agire per cercare di ripristinare l’ordine pubblico.

http://youtu.be/OKzfRz4cRuo

In campo si stava anche vedendo del buon calcio, con una bella doppietta di Rykov che aveva permesso agli ospiti di iniziare la ripresa sullo 0-2. Poco prima della interruzione decisiva ecco il gol di Boyarintsev, giocatore simpatico e esperto, che col piattone riapriva i giochi. La Torpedo è in palla, ma i suoi tifosi decidono di fermare lo spettacolo calcistico.

I due capitani hanno cercato di calmare gli animi. Ma Semshov, per reputazione, è l’ultimo al quale si può credere, e soltanto alcuni tifosi della Dinamo, a sua detta, lo hanno ascoltato. Lo stesso Semshov ha poi incitato i già caldi supporters di casa, quando in occasione del gol ha baciato la propria maglia. Complicatissimo quindi il compito del capitano bianconero, Boyarintsev, che ha riferito: “Il 98 per cento del pubblico non voleva quanto accaduto”. La contestazione si è poi riversata verso il presidente Tukmanov. Le cifre parlando di circa 20 tifosi feriti.

Nelle altre gare lo Spartak vince in rimonta a Belgorod, mentre il CSKA passa in Siberia grazie a un gol splendido di Cauna. A casa il Rubin Kazan, campione in carica: Enisey-SKA Energiya garantirà un posto ai quarti.

ENISEY-RUBIN KAZAN 2-1 19′ Sitdikov, 29′ Nikitin, 92′ Davydov (R)

ASTRAKHAN-ROSTOV 1-3 22′ Cocis, 44′ rig. Sinyaev (A), 63′ rig. Kirichenko, 73′ Cesnauskis

TOM TOMSK-CSKA 0-1 42′ Cauna

KHIMIK-KRASNODAR 1-2 70′ Makeev (Kh), 80′ Markov, 85′ Erokhin

KHIMKI-VOLGA NN 2-o 62′ Komkov, 84′ Romashchenko

LOKOMOTIV 2-MORDOVIYA 0-1 70′ Ivanov

TORPEDO ARMAVIR-LOKOMOTIV MOSCA 0-3 38′ rig. Sychev, 63′ Caicedo, 73′ Sychev

VOLGA ULYANOVSK-KUBAN 0-1 11′ Prudnikov

SALYUT BELGOROD-SPARTAK MOSCA 1-2 22′ Moskera, 33′ Ananidze (S), 53′ De Zeeuw (S)

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it