Allegri sull’orlo del baratro: Udine svolta o crack

Insomma questione di ore? No, di qualche giorno? No, neanche. Massimiliano Allegri ha le “partite” contate. Secondo le ultime indiscrezioni raccolte da www.sportmediaset.it, la panchina del tecnico toscano del Milan sarebbe decisamente a rischio dopo l’avvio disastroso sia in campionato che in Champions League. Un successo, un pareggio e due sconfitte è l score della squadra rossonera che peraltro stenta anche sul piano tattico.

Insomma, dopo l’ennesima opaca prestazione contro il modestissimo Anderlecht, il presidente Silvio Berlusconi ha pensato seriamente all’esonero dell’allenatore livornese al quale è stata data un’altra chance, come avevamo già anticipato qualche giorno fa (clicca qui per leggere l’articolo). Si tratta della classica “fiducia a tempo” prima del saluto definitivo.

Dunque Massimiliano Allegri è già sulla graticola e il suo futuro potrebbe già decidersi al termine della sfida di campionato in programma domenica pomeriggio a Udine, non certo una gara semplice. Vittoria e anche bel gioco, ovvero la caratteristica che ha sempre richiesto il numero uno della società di via Turati.

E ovviamente si parla già di sostituti per la panchina rossonera. In pole sembrerebbe esserci Mauro Tassotti in attesa di iniziare un nuovo progetto con un tecnico vincente. E l’unico nome che attualmente non è associato ad alcuna squadra è quello di Pep Guardiola.

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it